Il singolo di Ghali "I love you", lettera d'amore a un carcerato

dida:
Codice da incorporare:
di Askanews

Roma, 15 mar. (askanews) - Ad un anno da "Cara Italia", il singolo Triplo Platino con oltre 107 milioni di visualizzazioni per il video, Ghali torna con il singolo "I Love You", in uscita il 15 marzo.Se "Cara Italia" era una dichiarazione d'amore di Ghali al suo Paese, nel nuovo singolo sono le persone al centro dell'attenzione dell'artista milanese. Partendo dal presupposto che "ci sia un essere umano sia sotto la divisa che sotto il passamontagna" Ghali racconta, attingendo dalla sua storia personale, che si può e si deve imparare ad amare non solo famigliari e amici, ma anche coloro che ci appaiono come estranei. Un concetto espresso sia nella copertina del singolo - dove si intravede la figura dell'artista in prigione con una palla stroboscopica legata al piede - sia nelle attività social che Ghali sta mostrando in questi giorni esprimendo, con attenta sensibilità, il suo desiderio di dare valore sociale alle parole del brano e di stare vicino al prossimo.Ghali ha, infatti, scelto di associare questo progetto alla Casa Circondariale di San Vittore di Milano sia perché legata alle esperienze personali che lo hanno coinvolto e che hanno contribuito alla sua crescita personale e alla maturazione di un messaggio positivo, sia perché ha interagito con i detenuti più giovani cercando di dare voce e speranza a chi sta vivendo un periodo di riflessione profonda ma vuole una nuova opportunità."A un anno dall'uscita di 'Cara Italia', oggi siamo qui a presentare 'I love you', sappiamo tutti cosa significa 'Ti amo' ed è il mio nuovo singolo che è una canzone d'amore, una lettera d'amore questa volta, a un carcerato. Sono qui a presentarla perché è un posto a cui tengo particolarmente. È un altro tentativo di scuotere qualcosa nell'animo di chi mi sta attorno. 'Cara Italia' è stata una lettera diretta a chi sta ai vertici e decide le nostre sorti. Questa volta ho preferito parlare con chi mi sta a fianco."I Love You" è scritta da Ghali e prodotta da Zef per l'etichetta Sto Records/Atlantic/Warner Music.