Il rap pop travolgente di Baby k nell'album "Icona"

Codice da incorporare:
di Askanews

Milano (askanews) - È una delle pochissime donne rapper italiane che è riuscita a imporsi nel mondo della musica e ora Baby K torna con un nuovo album."Siamo arrivati al terzo disco a mio avviso molto atteso, sono passati tre anni dall'ultimo lavoro "Kiss Kiss Bang Bang", adesso siamo arrivati ad Icona. Secondo me è un disco pieno di carattere e molta personalità e penso che sia il disco che mi rappresenta di più, ci sono tutte le sfumature del mio carattere e ci sono brani che possono accontentare gusti diversi, mi rappresenta in toto, perchè abbiamo del rap, del pop, brani con carattere che rientrano nel genere urban, un po' per tutti i gusti".Regina dei tormentoni, Baby K si è fatta conoscere dal grande pubblico con la pluripremiata Roma-Bangkok insieme a Giusy Ferreri e poi ha replicato quest'estate con "Da Zero a Cento" che ha ottenuto il doppio disco di platino e superato 100 milioni di visualizzazioni su YouTube. Ora si cimenta anche con dei live a marzo."Dalle discoteche dove ho infuocato i palchi dei club finalmente porto delle date esclusive ufficiali, sono due date molto importanti, sono anni che non ho toccato Roma e non mi sono mai esibita a Milano e quindi credo che sia ora di calcare dei palchi e portare uno show tutto mio, sarà una novità e sarà sicuramente bellissimo".Viso d'angelo e grinta da vendere, Claudia Nahum, in arte Baby K, in passato ha scritto una canzone e un libro che si intitolano Femmina Alfa, ruolo che sente sempre più suo."La mia vita è diventata quella di una femmina alfa, perchè dirigo e sono dentro qualsiasi aspetto della mia musica, della mia quotidianità e del mio lavoro. La femmina alfa più che altro si evolve sempre e adesso è presente nel disco nei brani un po' più rap".E del suo rapporto con gli uomini dice così."Tutta la vita sono stata circondata da figure maschili, sono sempre stata un po' la maschiaccia del del gruppo e questo è anche il motivo per cui mi sono avvicinata al rap".Nell'album ci sono anche importanti collaborazioni come quella con J-Ax, Andrès Dvicio e Vegas Jones.