Addio a Stan Lee, 9 fatti sulla leggenda dei fumetti Marvel

Codice da incorporare:
di Askanews

Milano (askanews) - Sembrava immortale, come i suoi supereroi e invece Stan Lee se ne è andato. È morto a 95 anni l'uomo che ha creato o cocreato in collaborazione con altri grandi maestri dei comics come Jack Kirby e Steve Ditko i protagonisti più amati del mondo Marvel, da Spiderman ai Fantastici 4, dall'incredibile Hulk ad Ironman.Nove fatti per conoscere meglio una leggenda dei fumetti che ha inventato i "super eroi con super problemi", un universo di eroi imperfetti, umani. Il suo vero nome era Stanley Martin Lieber, i suoi genitori emigrarono negli Stati Uniti dalla Romania.È stato sposato per 69 anni con la stessa donna, Joan, morta poco più di un anno fa. A chi gli chiedeva quale super potere servisse per un matrimonio così felice rispondeva: "Sposare la ragazza giusta.Ha sempre amato moltissimo i cattivi dei suoi fumetti. Diceva: "Un supereroe senza un grande cattivo è come un giorno senza l'alba".Cominciò a lavorare nel mondo dei fumetti a 17 anni. Portava i caffè e temperava le matite alla Timely comics, la futura Marvel. Era un veterano, durante la Seconda guerra mondiale si è occupato di propapaganda. I primi personaggi cocreati da lui sono stati i Fantastici 4. "Excelsior" è uno dei motti che usava per salutare i lettori dalle pagine dei fumetti. Molti fan hanno deciso di usarlo per dargli l'ultimo saluto. Ha fatto un cameo in tutti i film Marvel a partire dal 1989. è comparso più volte anche nei Simpson. "The man", l'uomo e "The smiling", il sorridente, erano due dei suoi soprannomi.