"ZeroZeroZero": dentro l'inferno milionario della cocaina, nella guerra dei narcos

Tre continenti, sei Paesi, lingue diverse, intrecci criminali ai più alti livelli e forze dell'antidroga a caccia dei colpevoli. Dal libro di Saviano la serie di Sky

Una scena di 'ZeroZeroZero'
Una scena di "ZeroZeroZero"
TiscaliNews

E' stato il libro più controverso di Saviano, quello da cui tutti si aspettavano che avrebbe replicato il successo travolgente di Gomorra, e quello che si è attirato maggiormente le accuse di aver attinto a piene mani da inchieste altrui non sempre citate come fonte. Ma ZeroZeroZero è comunque un titolo che lascia il segno, perché parla dell'onnipotenza e dell'invasione mondiale della cocaina. Ne segue dinamiche, strategie del potere, intrecci criminali mondiali e sanguinose guerre per controllarne i flussi. Non fa sconti, come non li fa la serie omonima che arriva dal 14 febbraio alle 21:15 su Sky Atlantic e NOW TV. A creare la serie, lo stesso team dell'acclamato successo mondiale di Gomorra: Stefano Sollima, Leonardo Fasoli, Stefano Bises, lo stesso Roberto Saviano e la scrittura dei singoli episodi che ha visto Fasoli lavorare con Mauricio Katz (The Bridge, Niño Santo), Max Hurwitz (Hell on Wheels, Manhunt: Unabomber) Maddalena Ravagli e Sollima.

La polvere bianca che piove sul mondo dall'inferno

Sono tre gli scenari di ZeroZeroZero, la serie tv: ci si muove fra l'Aspromonte calabrese, il Messico e gli Usa (a partire da New Orleans). Sulle rotte della cocaina, dei rapporti fra cartelli e organizzazioni criminali, sui rapporti tra potere istituzionale e politico e lobby fuori dalla legge, ci si muove fra tre continenti e sei Paesi diversi. Al seguito di un cast prestigioso di cui fanno parte: Gabryel Byrne, Andrea Riseborough, Dane DeHaan, Harold Torres, Giuseppe De Domenico, Francesco Colella e Tcheky Karyo. La polvere bianca piove sul mondo a dannarlo, lo fa dai rituali antichi della 'Ndrangheta calabrese ai loft tutti acciaio e top design dell'alta società americana, parla inglese come arabo, spagnolo e wolof. 

Su quel cargo stupefacente

Il regista e creatore della serie, Stefano Sollima, a proposito di ZeroZeroZero ha detto: "Racconteremo i percorsi di una sola di queste merci, forse la più universalmente diffusa, la più trasversalmente consumata, sicuramente la più redditizia. Seguiremo una nave portacontainer e il suo carico dal suo punto di partenza in Messico fino alla sua destinazione in Calabria, raccontando come il traffico di questa “merce" piuttosto speciale influenzi il mercato, l’economia mondiale e anche la nostra vita. Questa merce è la cocaina, il suo viaggio il nostro viaggio". E dove c'è un carico criminale milionario, ci sono le forze internazionali dell'antidroga a caccia di chi muove quel traffico. La guerra comincia.