Tiscali.it
SEGUICI

Working Title Film Festival fa 4

redazione

di Cinematografo   
Working Title Film Festival fa 4

Working Title Film Festival, il festival del cinema del lavoro nato nel 2016, pubblica il bando di concorso per la quarta edizione, che si terrà a Vicenza dal 1° al 5 ottobre 2019. L’evento, promosso dall’associazione Laboratorio dell’inchiesta economica e sociale – LIES, sarà ospitato in due nuove location: la Sala Lampertico del Cinema Odeon, il più antico cinema della città (è nato nel 1907), e l’enoteca-osteria Bottega Faustino, entrambi in centro storico. Ad essi si affiancherà lo spazio artistico-creativo Exworks presso il design store Zerogloss in Strada Pasubio, già partner del festival nelle precedenti edizioni. Le date del festival segnano un “cambio di stagione”: le precedenti edizioni, infatti, si erano svolte a fine aprile, culminando nella festa del Primo maggio.

 

Le due sezioni di concorso e il nuovo meeting per registi e produttori

Possono candidarsi al concorso registi italiani e stranieri, presentando film documentari, di finzione e di animazione che trattino il tema del lavoro, in tutte le sue forme e nei modi più vari. Due le sezioni competitive: “Premio Working Title Film Festival” per opere di almeno 30 minuti di durata; “Premio Extraworks” per opere della durata massima di 15 minuti come cortometraggi sperimentali, video arte, videoclip.

Un’altra sezione del bando è rivolta a progetti audiovisivi (sempre inerenti il tema del lavoro) in fase di sviluppo. Nel pomeriggio 5 ottobre si svolgerà infatti “Work in progress”, un meeting tra produttori e registi che avrà l’obiettivo di creare potenziali nuove sinergie. Gli autori presenteranno i loro progetti di film, i produttori potranno mettere a disposizione dei registi la propria esperienza, fornendo feedback sui progetti.

I termini per presentare le candidature scadono il 15 luglio 2019.

Tutte le informazioni sul bando si trovano sul sito Cinematografo.

di Cinematografo   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Filippo Timi ossessionato da Dostoevskij e dalla paura di guardarsi nel monitor durante le riprese
Filippo Timi ossessionato da Dostoevskij e dalla paura di guardarsi nel monitor durante le riprese
Malkovich nei panni di Lucien Lelong in The New Look
Malkovich nei panni di Lucien Lelong in The New Look
Luca Argentero (Ansa) e Francesca Argentero (Instagram)
Luca Argentero (Ansa) e Francesca Argentero (Instagram)
Mara Venier paga l'effetto Ghali: Soffro tanto e ho pianto molto in questi giorni
Mara Venier paga l'effetto Ghali: Soffro tanto e ho pianto molto in questi giorni

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...