Il nuovo inizio di Sophia Loren: "A 86 anni madre di un ragazzino senegalese"

La diva accetta una scommessa coraggiosa, una parte dura e struggente dopo 11 anni di assenza dal set. E Laura Pausini canta per lei, candidata agli Oscar

Sophia Loren
Sophia Loren

Torna al cinema, e contemporaneamente in tv in streaming Sophia Loren. La 86enne diva premio Oscar interpreta una parte coraggiosa in La vita davanti a sé, al cinema dal 3 novembre e dal 13 su su Netflix. Diretto dal figlio dell'attrice, Edoardo Ponti, e scritto da Ugo Chiti e dallo stesso Ponti, il film riporta la Loren sul set dopo 11 anni di assena. Accanto a lei fanno parte del cast Ibrahima Gueye, Renato Carpentieri e Massimiliano Rossi. Loren interpreta Madame Rosa, una superstite dell'Olocausto che si prende cura dei figli delle prostitute nel suo modesto appartamento a Bari. Accoglie anche Momo, un dodicenne senegalese che l'ha derubata. Insieme supereranno la loro solitudine, formando un'insolita famiglia. Il film è l'adattamento contemporaneo del bestseller internazionale La vie devant soi di Romain Gary.

Sophia: saper ricominciare

"Non potrei essere più felice di collaborare con Netflix per un film così speciale - ha commentato Sophia Loren - Nella mia carriera ho lavorato con tutti gli studios più importanti, ma posso dire con certezza che nessuno ha l'ampiezza di respiro e la diversità culturale di Netflix. Ed è proprio questo che apprezzo particolarmente. Hanno capito che non si costruisce una casa di produzione globale senza coltivare talenti locali in ogni paese, senza dare a queste voci l'opportunità di essere ascoltate".

La voce di Laura Pausini

E il ritorno sul set della Loren riporta in azione anche Laura Pausini, rimasta quasi paralizzata creativamente dal duro lockdown conseguenza della pandemia da Covid-19. La cantante fa parte della colonna sonora (candidata agli Oscar) del film e il primo segnale in tal senso è il brano Io sì (Seen) scritto assieme a Niccolò Agliardi e inserito in un Ep di quattro tracce uscito il 23 ottobre e disponibile in quattro lingue diverse.

Queste le parole della Pausini: "Durante il lockdown mi sono sentita, per la prima volta, persa. In crisi. Rimandavo gli ascolti del nuovo disco. Mi chiedevo se poteva interessare a qualcuno che io cantassi ancora". Poi l'incontro con la Loren (con cui compaiono insieme in videoclip) e l'emozione di essere parte di una soundtrack candidata al massimo premio cinematografico.