Si indaga sulla morte di Solange, disposta l'autopsia. La testimonanza dell'amico, l'ultimo a vederlo

Sospesi i funerali del sensitivo dopo che il pubblico ministero ha deciso di fare chiarezza sulel cause della sua morte

di M.E.P.

Il 9 gennaio si sarebbero dovuti tenere i funerali di Paolo Bucinelli in arte Solange, il noto sensitivo trovato senza vita il 7 gennaio, nella sua abitazione di Collesalvetti. Ma il pm Sabrina Carmassi ha deciso di fare chiarezza e disposto l'esame autoptico per chiarire le cause del decesso, che rimangono comunque naturali, come confermato dal medico del 118 subito dopo il ritrovamento del corpo. La magistratura vuole però chiarire se Solange abbia davvero rifiutato il ricovero in ospedale, o se ad esempio ci siano state negligenze. A confermare la prima ipotesi sarebbe Nicola Rossi, amministratore delegato di una tv pisana che aveva accompagnato Solange al pronto soccorso pochi giorni prima .del malore fatale.

"Sono stato l'ultimo a vederlo vivo"

Rossi, intervistato da La Nazione, ha raccontato di essere stato l'ultimo, insieme a una collega, a vederlo vivo e ha anche raccontato gli ultimi istanti di vita di Solange. È stato lui, insieme a Francesca Vallini un'amica del sensitivo, a dare l'allarme e a sospettare il peggio. "Ci sentivamo tante volte al giorno – ha raccontato alla Nazione Francesca Vallini – ma dalla mattina dell'Epifania il telefono è rimasto muto e abbiamo pensato al peggio. Penso che sia deceduto in quella notte. Sono sconvolta perché era una persona speciale per me. Mi mancherà".

Si era ripreso dopo il ricovero

Stando alla ricostruzione, il sensitivo potrebbe essere morto per un infarto sopraggiunto a causa del diabete. Nicola Rossi ha raccontato a La Nazione di aver accompagnato lui stesso l'artista all'ospedale Cisanello di Pisa il 2 gennaio, qualche giorno prima del decesso: "Si era sentito male sabato notte, l'ho portato al pronto soccorso, è stato curata e stava molto meglio tanto è vero che domenica ha partecipato da 50 Canale il collegamento col programma di Rai1 intervistato da Tiberio Timperi. Poi sia nella giornata di domenica che in quelle di lunedì al telefono mi ha confermato che era tutto ok".  Evidentemente però, Solange ha avuto un malore ed è morto sul divano della sua abitazione, dove i vigili e Rossi lo hanno trovato: "Siamo sconvolti, nessuno poteva prevedere un epilogo così drammatico".

Il telefono che squillava a vuoto, poi l'allarme e il ritrovamento

Francesca, amica di lunga data del sensitivo dopo aver provato a chiamarlo più volte senza ottenere risposta, si è rivolta a Nicola Rossi per chiedergli di andare a verificare di persona, essendo la redazione di "50 Canale" poco distante. Rossi trovatosi di fronte all'abitazione ha fatto squillare il cellulare di Solange e dopo aver sentito che suonava a vuoto ha allertato le forze dell'ordine, alle quali è quindi toccato insieme a lui constatarne il decesso.