Sanremo, Papaboys: via Junior Cally dal Festival, incita al femminicidio

Sanremo, Papaboys: via Junior Cally dal Festival, incita al femminicidio
di Askanews

Roma, 20 gen. (askanews) - I Papaboys chiedono che il rapper Junior Cally, il cui brano è un incitamento al femminicidio, venga espulso dalla gara del 70esimo Festival di Sanremo. "Come se non bastasse la cruda realtà del mondo in cui viviamo, che trova nei femminicidi una delle più alte cause di morte - in Italia solo nel 2019 sono state 92 le donne uccise - Sanremo pensa bene di portare sul palco, peraltro specchio della musica italiana nel mondo, una canzone che incita all'odio e alla morte della donna sia fisica che spirituale", dichiara il presidente dell'Associazione Nazionale Papaboys, Daniele Venturi."Penso che siamo arrivati alla fine della decenza musicale e a quella di un festival che giunge alla 70esima edizione e che è stato culla di grandi canzoni e grandi temi di sensibilizzazione", aggiunge l'esponente di uno dei principali siti cattolici papaboys.org."E' un paradosso pensare che sullo stesso palco, nel 2013, Luciana Littizzetto faceva un monologo sull'amore e sulla violenza che si usa spesso sulle donne, con le famose scarpe rosse - simbolo della lotta al femminicidio - e nel 2019 si fa partecipare una canzone con parole improponibili e vergognose".