Tiscali.it
SEGUICI

Salma Hayek e la scena blasfema in chiesa. Perché è necessaria e cosa ci svela

Entrare nell'edificio mentre si celebra una funzione e usarlo come latrina. L'attrice si presta a una sequenza fortissima, che riguarda tutti noi

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   

Entrare in una chiesa nel pieno di un matrimonio dopo aver ingurgitato un intero flacone di lassativo, e poi irrompere nell'edificio per lasciarsi andare lì, tra sposi e fedeli e a pochi metri dal prete. Una scena così non la dimentichi ed è chiaro perché Salma Hayek, che ne è stata protagonista (a metà con Annie Murphy), ha detto di essere preoccupatissima per le reazioni a seguire. Una cosa è certa: quella sequenza che è dentro l'episodio Joan è terribile che apre la sesta stagione di Black Mirror non la dimentichi, così come non dimentichi quel che c'è nel resto dell'episodio. Terribile e divertentissimo.

I momenti di Joan è terribile che non si dimenticano: video

Video

La tua vita manipolata

Si è variamente scritto che da anni Black Mirror, la serie distopica di Charlie Brooker sui rapporti traumatici fra umani e tecnologia, non è all'altezza delle prime due stagioni irripetibili. Quelle furono un autentico shock, provocarono dibattiti, sdegno, divertimento cinico. Ma Black Mirror sa ancora piazzare colpi da maestro, ed è il caso di almeno due episodi dell'ultima stagione: Beyond The Sea su due astronauti soli nello spazio profondo che per sentire meno la mancanza di casa possono usare i loro corpi-cloni terrestri per tornare per breve tempo a casa. Quando a uno dei due viene massacrata la famiglia, l'altro decide impietosito di prestargli il suo clone per tornare terrestre con la moglie e il figlio del prestatore. Succederà di tutto, in un gioco di identità manipolate e gelosia devastante. L'altro è appunto Joan è terribile, con Salma Hayek e Annie Murphy a darsele di santa ragione, condividendo la stessa identità manipolata.

Un gioco al massacro

In Joan è terribile accade che una dirigente che licenzia in modo cinico i colleghi vede la sua vita rappresentata in tv gesto per gesto, parola per parola, con un alter ego famoso (la Hayek, al posto di Annie Murphy che interpreta la donna qualsiasi) e con tutte le situazioni estremizzate. Gli intrighi per eliminare il collega, le disavventure sentimentali, le gaffe private e i vizi inconfessabili vengono trasmessi in streaming su un canale chiamato Streamberry che è in tutto e per tutto simile a Netflix su cui va in onda Black Mirror. Fino alla scena tremenda della chiesa usata come latrina che innesca la ribellione sia della donna messa alla berlina che di Salma Hayek che intepreta se stessa mentre interpreta l'altra, di nome Trixie. Un gioco di scatole cinesi crudele e divertente. Su come l'intelligenza artificiale può manipolare i dati che cediamo ogni volta che usiamo un servizio online, masticarli e risputarli fino a massacrare le nostre esistenze. E sì, un episodio come Joan è terribile non te lo dimentichi più grazie anche al coraggio con cui la Hayek si è prestata a un ruolo estremo. Ah, la cara vecchia satira british.

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Napoli, estate di concerti gratuiti per le ricorrenze religiose
Napoli, estate di concerti gratuiti per le ricorrenze religiose
Weekend cinema, arriva Inside Out 2
Weekend cinema, arriva Inside Out 2
Russell Crowe star ad alta quota del Cervino Mountain Music Festival
Russell Crowe star ad alta quota del Cervino Mountain Music Festival
Dall'Ucraina al Libano le voci del cinema sulla guerra
Dall'Ucraina al Libano le voci del cinema sulla guerra
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...