Tiscali.it
SEGUICI

Basta pornografia del dolore: perché "Per Elisa" la miniserie sul caso Claps è un gioiello che conquista i giovanissimi

Sei episodi per raccontare i misteri della studentessa scomparsa e ritrovata morta nel sottotetto di una chiesa. Piace molto ai giovanissimi e non indulge in orrori

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Da sinistra: Ludovica Ciaschetti nei panni di Elisa Claps, Giulio Della Monica in quelli di Restivo (Rai) e la vera Elisa (Ansa)
Da sinistra: Ludovica Ciaschetti nei panni di Elisa Claps, Giulio Della Monica in quelli di Restivo (Rai) e la vera Elisa (Ansa)

Dicono che i giovani sono presi dai balletti su TikTok e le stramberie da intrattenimento su Instagram e affini. Che a loro non importi niente dell'attualità e dei drammatici casi di cui è costellata. E molti si lamentano del fatto che i grandi fatti di "nera" italiani si trasformino molto, troppo facilmente in fiction morbose, piene di colpi di scena sanguinosi e che appiattiscono il ragionamento sull'orrore del Male in nome dei numeri Auditel. Ecco perché Per Elisa - Il caso Claps, la miniserie appena cominciata in Rai sta diventando un fenomeno in controtendenza. Narrazione asciutta, lavoro di documentazione rigoroso, cast azzeccato. Ed ecco l'avvicinarsi di due pubblici tradizionalmente opposti: i "grandi" che guardano la Rai di Domenica In e Montalbano e chi è cresciuto a pane e streaming su altre piattaforme. 

Immagine dalla serie Rai

"Una di noi" che non c'è più

Era il 12 settembre 1993 quando Elisa Claps, 16enne studentessa al terzo anno del liceo classico di Potenza, usciva di casa per non fare mai più ritorno. La verità è venuta a galla solo il 17 marzo 2010, quando i resti di Elisa vennero trovati murati nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità del capoluogo lucano. Nel mezzo c'è stata la dura e lunghissima battaglia dei familiari per scoprire cosa fosse successo e la rivelazione finale è stata un autentico shock. Perché Elisa era stata murata in una chiesa? Perché c'era un bottone rosso di probabile appartenenza a un abito cardinalizio accanto al suo corpo? Come aveva potuto il suo assassino arrivare a fare un lavoro del genere dentro un edificio religioso? Di chi era il Dna della seconda persona collegabile ai resti di Elisa? Come si scoprì poi, a uccidere Elisa (probabilmente dopo aver abusato di lei) fu Danilo Restivo, feticista e persecutore di donne che dopo aver tolto la vita alla Claps si era trasferito in Inghilterra uccidendo anche Heather Barnett. Macabro il particolare che Restivo conservasse come feticci le ciocche di capelli delle sue vittime. Il caso Claps non si è ancora chiuso del tutto (c'è un filone di inchiesta sui probabili complici di Restivo) ma la miniserie Rai ne ripercorre tutte le tappe, le ambiguità, le zone oscure e la dolorosa dignità dei familiari nella tenace ricerca della loro amata. Si è detto e scritto che Per Elisa ha sfondato presso il pubblico di giovanissimi un po' come ha fatto precedentemente Mare Fuori. Top trend sui social, molto commentata dai teenager, Elisa è "una di noi", una ragazzina privata di tutto, della vita nel fiore dell'esistenza. 

Immagine dalla serie Rai

La messa in scena misurata

A far molto apprezzare Per Elisa - Il caso Claps è anche il modo in cui è stata scritta e filmata. Non c'è compiacimento, non c'è violenza gratuita, ha una bella ricostruzione dei fatti (citando anche format come Chi l'ha visto?) e lavora di sottrazione, mostrando meno ma lasciando tensione e magone in chi guarda e sviluppa la stessa serie di verità. Di più, ha il coraggio di usare in un ruolo che non ti aspetteresti (come fanno le migliori fiction americane) Giulio Della Monica qui nei panni dell'assassino maniacale, così come sono perfetti e in parte Gianmarco Saurino passato dai ruoli medici in Doc a quello di fratello dolente della vittima, che fonderà l'Associazione Penelope per dare voce e forza a tutti i familiare di vittime di violenza, e la Elisa del piccolo schermo, Ludovica Ciaschetti. Tutti insieme in un grande progetto di narrazione che restituisce il senso del servizio pubblico televisivo. 

Immagine dalla serie Rai
Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
In 30mila a Milano per i Negramaro, Giuliano duetta con Elisa
In 30mila a Milano per i Negramaro, Giuliano duetta con Elisa
Ankoneide,serata dedicata a Raffaella Carrà con standing ovation
Ankoneide,serata dedicata a Raffaella Carrà con standing ovation
A Luca Guadagnino il Premio Pesaro Nuovo Cinema 60
A Luca Guadagnino il Premio Pesaro Nuovo Cinema 60
Anna Castiglia vince Musicultura 2024 con la canzone 'Ghali'
Anna Castiglia vince Musicultura 2024 con la canzone 'Ghali'
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...