Morgan: "Torno a Ballando solo per un motivo". Poi l'accusa shock contro la Rai

In replica ad una battuta di Simona Ventura, il cantautore si toglie qualche sassolino dalla scarpa

di M.E.P.

La prossima edizione di "Ballando con le Stelle" sarà tutto tranne che noiosa. I presupposti del resto ci sono già tutti: torna Morgan e anche le polemiche che normalmente lo accompagnano. La prima, in realtà, è già nata: Simona Ventura in un'intervista sul settimanale "Chi", si è lasciata andare a qualche commento di troppo: "Mi piace, speriamo che arrivi alla fine. Sai com'è, con lui un giorno ti volti e non c'è più, ma Milly Carlucci sa il fatto suo. Voglio bene a Morgan, è il mio figlio più turbolento, sono felice per lui".

Morgan, che di sassolini dentro le scarpe ne ha parecchi, non è certo stato a guardare e attraverso il sito del magazine "Rolling Stone" ha spiegato per filo e per segno i motivi della sua partecipazione al programma condotto da Milly Carlucci su Rai1. Partendo, ovviamente, dall'assist della collega. 

Io vittima di un reato compiuto dalla Rai

"Carissima Simona Ventura - scrive Morgan nella lettera - io non solo mi ritengo totalmente fuori dal mio contesto naturale, ma di essere inappropriato in quel ruolo. Però, quello che invece è appropriato, è che si tratta di lavoro. E io, che sono un uomo di cultura, con tre figlie, che ha voglia di vivere, che ha lavorato tanto ma vive una dimensione che prende il nome di 'mobbing' sono costretto a farlo. E lo sai meglio di me che io sono l'esempio massimo di chi è vittima regolarmente di questo reato compiuto dalla Rai, dalla discografia, dalla società, dalla stampa, dai tribunali, da tutto il mondo che mi circonda".

"Basta solo pensare che io - prosegue - non solo sto per andare a Ballando con le stelle, ma sono uno dei più grandi conoscitori della canzone italiana. Però, quando si fa un programma su questo tema, la Rai non lo affida a me, ma a persone con meno competenze ed esperienza. Ho fatto sette edizioni di X Factor vincendone cinque e trovandomi nel Guinness dei primati perché sono il più grande talent scout del mondo. E io non dovrei fare la televisione? Non lavoro, così mi portano via la casa, mi pignorano i concerti, mi denunciano perché non pago gli alimenti alle figlie?".

"A Ballando, sottolinea tra l'altro Morgan nella lettera, farò imparare a parlare italiano alle persone, almeno. E poi magari qualche balletto riuscito potrei anche realizzarlo. Ma soprattutto farò cultura, che è il mio ambito. Infatti, dove oggi mettono Stefano Bollani, Brunori Sas, Manuel Agnelli o Enrico Ruggeri, sono tutti posti che occupano al posto mio. Intanto io insegno all'università la storia della musica".