La parabola triste di Mandi Mandi: "Senza una lira, ho provato a lasciarmi morire"

"Mi hanno portato via tutto e sono dovuto ripartire da sottozero", ha rivelato in una intervista Marco Milano, l'attore e comico, diventato celebre con il finto giornalista friulano

La parabola triste di Mandi Mandi: 'Senza una lira, ho provato a lasciarmi morire'
di M.E.P.

Aveva destato scalpore due anni la notizia delle condizioni disperate in cui versava Marco Milano, da tutti conosciuto come Mandi Mandi, che confessò di essere sul lastrico dopo una serie di debiti contratti con Equitalia. L'attore oggi ritorna su quel periodo buio, ripercorrendone i momenti cruciali, e lo fa con dovizia di particolari  "Mi hanno portato via tutto: casa macchina, ogni cosa e sono dovuto ripartire da sottozero", ha rivelato in una intervista al quotidiano Libero, l'attore e comico, diventato celebre con il finto giornalista friulano noto per le sue interviste d'assalto impossibili. 

Il 2014? Annus orribilis. "Ho provato a lasciarmi morire"

Problemi col fisco e a catena problemi di salute. Insomma il baratro: "Il 2014 il mio anno orribile dove caddi in una depressione spaventosa, racconta a Libero. Ero solo, senza una lira e anche la mia compagna di allora mi aveva lasciato. Così mi chiusi in Maremma in una casa e, per quindici giorni, non presi nulla da mangiare e da bere come per lasciarmi morire". E ancora: "Il mio studio commercialista aveva sbagliato per quattro anni di seguito le dichiarazioni dei redditi, così mi sono trovato di fronte a un debito con lo Stato enorme che non potevo onorare. È giusto che i commercialisti commettano degli errori e poi ricada tutto sui cittadini?".

Intrappolato nel personaggio che gli diede il successo

Nonostante gli sforzi e i tentativi di trovare occupazione anche in diverse emittenti televisive, Marco Milano è rimasto quasi ingabbiato nel suo personaggio "Mandi Mandi". Il successo di allora - per la prima volta nella storia televisiva nazionale, ironizzava sui friulani - è stato irreplicabile e quegli anni '90 fra "Mai di Gol" e "Quelli che il calcio" solo un lontano ricordo. Oggi che fa? Marco, negli ultimi anni, ha girato con la Sunshine Production di Bruno Frustaci una serie di film di Natale poi bloccati dall'emergenza Covid. L'ultima proposta invece fatta alla Rai è un format sugli anziani, affidato a Beppe Convertini e Anna Falchi. Lui ironizza: "Significa che almeno le idee sono rimaste buone". Speriamo che il futuro sia più roseo.