Tiscali.it
SEGUICI

Isabella Ferrari e quella scena di sesso con Nanni Moretti

L'attrice si confessa a "Belve", in riferimento alla famosa scena di sesso in "Caos calmo"

di Tiscali Spettacoli   

"Quando ho fatto la prima prova entro dalla porta, do un bacio a Nanni, Nanni si ferma e mi dice 'questo non è Sapore di mare. Ci sono delle scene che richiedono comunque una forza, una verità… io voglio starci dentro, non mi interessa fingere'". Parole di Isabella Ferrari che si confessa a Belve, in riferimento alla famosa scena di sesso in Caos calmo. Quando Francesca Fagnani ricorda che l'equivoco era nato anche da alcune dichiarazioni della Ferrari stessa, l'attrice risponde: "Al festival di Berlino Nanni mi disse che dovevo rispondere io alle varie domande che riguardavano quella scena. Ognuno aveva il suo compito, io avevo quel compito lì che era quello più ingrato, e forse ho detto qualche cazzata". Quando Fagnani le chiede se le sia mai capitato di fare dei controlli sul cellulare del marito, perché di solito chi cerca trova, l'attrice conferma: "abbiamo trovato".

"Ho provato canne e cocaina"

La conduttrice chiede e viceversa? l'attrice annuisce e aggiunge: "siamo pari". E alla domanda sulle droghe Ferrari risponde: "Le ho provate tutte, ma mai quelle pesanti". Fagnani chiede: quali? Ferrari risponde: ''ho provato canne, cocaina...'' al che Fagnani interviene "che è un po' pesante..." Ferrari chiarisce: sì, ma fermandomi sempre a un dosaggio veramente omeopatico". Su Boncompagni, quando Fagnani le chiede se lei avesse a 16 anni gli strumenti per vivere quel rapporto in maniera equilibrata, Ferrari spiega: "Era equilibrato. È stata una grande fortuna averlo incontrato così giovane, era un po' un padre". E aggiunge: "Io questo problema della differenza di età non l'ho mai veramente sentito".

"Di cicatrici ne ho diverse"

Fagnani le ricorda di aver parlato tempo prima di una cicatrice: "di cicatrici ne ho diverse, non riesco a vedere una cicatrice in quel mio rapporto con Gianni Boncompagni". L'attrice racconta della sua malattia: "Credo che non rivelerò mai il nome di questa malattia perché internet è tremendo, ci inganna. Quando io l'ho fatto io mi sono molto spaventata, non l'ho detto nemmeno ai miei figli per tanto tempo perché non volevo che andassero a leggere". Neanche adesso lo sanno? "Il nome sì, adesso lo sanno. la malattia comunque è la mia forza, la mia stabilità. mi ha cambiata, mi ha resa più sicura di me, più stabile". 

di Tiscali Spettacoli   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Boom di pubblico per il concerto dei 160 anni della Croce Rossa
Boom di pubblico per il concerto dei 160 anni della Croce Rossa
Pippa Bacca, un film di Levi Riso sulla sua vita
Pippa Bacca, un film di Levi Riso sulla sua vita
Hollywood, si teme un altro sciopero
Hollywood, si teme un altro sciopero
Hollywood, produzioni in stallo, Studios senza soldi
Hollywood, produzioni in stallo, Studios senza soldi
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...