Tiscali.it
SEGUICI

Paura, provocazioni e "profezia": perché tutti stanno impazzendo per "Il mondo dietro di te"

Il film di Netflix prodotto da Obama mette Julia Roberts e una immaginaria famiglia media al centro di una storia inquietante. Che parla a tutti noi

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Tre immagini da 'Il mondo dietro di te' (Netflix)
Tre immagini da "Il mondo dietro di te" (Netflix)

La scena è questa. Sei su una spiaggia con la natura placida attorno, tu e la tua famiglia lontani dalla città, dagli stress e dai ritmi impossibili di tutti i giorni. Poi d'improvviso il tuo telefono perde la linea. Internet va giù. E una petroliera comincia a puntare verso di te con i motori a tutta, forse andati in avaria. E' solo l'inizio, poi dalla natura, dalle cose attorno, perfino dalla casa che hai preso in affitto cominceranno a moltiplicarsi segnali che qualcosa non va. Ed è un qualcosa sempre più inquietante a cui non sai dare nome. Il mondo dietro di te mette in scena tutte queste situazioni e lo fa in un modo che l'ha spedito al vertice degli streaming di Netflix e contemporaneamente sulla bocca di tutti. Non accadeva da una altro film fenomeno, distopico e beffardo: Don't Look Up.

Una Julia Roberts al centro di "segni"e nevrosi

La famigliola americana media con dentro Julia Roberts (in un ruolo nevrotico e molto meno rassicurante della bella ragazza al centro di storie romantiche e missioni da compiere), Ethan Hawke nei panni del classico marito medio, due figli e in seguito un Maershala Ali padrone di casa mal tollerato che sembra sapere molte più cose di quelle che dà a intendere, si ritrova al centro di una serie di eventi misteriosi e inquietanti. Cosa sta facendo impazzire cellulari e tv? Cosa ha messo Internet down? Perché i cervi nei boschi attorno a casa cominciano a moltiplicarsi? Cosa piove dal cielo? Il crescendo mette la famigliola e lo spettatore in un vortice di angosce, paure profonde, paranoia del complotto fino al timore di assistere ad una sorta di apocalisse in diretta di cui si ignorano cause e sviluppi.

Il finale che fa impazzire il dibattito collettivo

Poi c'è la scena finale di Il mondo dietro di te (brutta traduzione di Leave The World Behind, cioè "làsciati il mondo alle spalle"). Protagonista la figlia della coppia la cui serenità si infrange e la vita perde senso quando tutti i dispositivi elettronici non funzionano più. Nel momento più drammatico del film fa una scelta che qui non sveliamo ma che può essere interpretata in modi diversi. E sì, c'entra un episodio della serie tv Friends. Dietro al successo incredibile (e alla viralità delle discussioni sui social) del film di Sam Esmail tratto dal libro di Rumaan Alam c'è l'ex presidente Usa, Barack Obama, che lo produce. E dentro una storia che moltiplica il più classico dei "che faresti se all'improvviso...?" ci sono altri temi, compreso quello razziale e un discorso perfido sul costo delle cure mediche. Uno specchio in cui guardarci tutti. O forse è lo schermo infotainment della nostra auto. Visto cosa accade alle Tesla impazzite nel corso del film?

Video

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Dolph Lundgren, il terribile Ivan Drago di Rocky IV: Diventai così perché mio padre mi violentava
Dolph Lundgren, il terribile Ivan Drago di Rocky IV: Diventai così perché mio padre mi violentava
Valeria Golino: Pretty Woman dovevo essere io. Julia Roberts mi soffiò due film
Valeria Golino: Pretty Woman dovevo essere io. Julia Roberts mi soffiò due film
Sophia Loren, un ritorno all'insegna dell'eleganza in un anno molto speciale
Sophia Loren, un ritorno all'insegna dell'eleganza in un anno molto speciale
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...