Torna Zoro con "Gazebo", l'anti talk show che non fa sconti a nessuno

dida:
Codice da incorporare:
di Emanuele Bigi

Nel giorno dell’occupazione della Rai da parte di Grillo, Diego Bianchi, in arte Zoro, presenta la seconda edizione di Gazebo, il suo programma di successo che quest’anno triplica, ovvero andrà in onda su Raitre in seconda serata dal 1° ottobre tutti i martedì, i mercoledì e i giovedì. La scorsa stagione il Gazebo apriva solo la domenica. “Appena si è sparsa la notizia che ritornavamo la politica ci ha preso d’assalto, ci temono, Gazebo fa paura”, afferma scherzando Zoro, riferendosi ai giornalisti che in concomitanza stanno prendendo d’assalto il leader del Movimento 5 Stelle. Anche Zoro con la sua telecamerina ha dovuto fare la sua parte. “Siamo stati costretti a cambiare la scaletta, volevamo concentrarci sul Pdl invece nella prima puntata ci occuperemo di Grillo e della Rai”, afferma il giornalista lanciato dalla rete e da Parla con me di Serena Dandini.

Tutti confermati - Squadra che vince non si cambia, dice il detto, e allora ecco ancora nel team di Gazebo (che trasmetterà sempre dal retro del Teatro delle Vittorie), il giornalista Marco Damilano, il vignettista Marco D’Ambrosio in arte Makkox, il tassista Mirko- Missourii4, i musicisti Roberto Angelini e Giovanni Di Cosimo. Quest’anno non ci sarà Fabio Volo e così la seconda serata di Raitre sarà targata Zoro. “Gazebo è stato il programma più innovativo della scorsa annata - afferma il direttore di Raitre Andrea Vianello – era una scommessa che sapevamo quasi di vincere”.

Diverso dagli altri talk show - Dunque si ritornerà a parlare di politica alla maniera di Diego Bianchi che ha sfornato una trasmissione inetichettabile, “facciamo informazione, satira, intrattenimento, siamo anche una specie di talk show non tradizionale – lo definisce l’autore – l’ambizione è riuscire a metterci un po’ di tutto. Cerchiamo con i nostri mezzi e le nostre capacità di raccontare quello che ci succede intorno”. E di cose ne succedono, soprattutto in questo periodo, “di sicuro non ci mancherà la materia prima”.