Tiscali.it
SEGUICI

Maurizio Costanzo tra confessioni e aneddoti: "Fui denunciato per adulterio, fecero la prova del letto caldo"

Il giornalista si racconta a 360 gradi in occasione della presentazione del suo nuovo libro "Smemorabilia/Catalogo sentimentale degli oggetti perduti"

TiscaliNews   

Passato, presente e anche futuro, dopo la sua morte. Maurizio Costanzo, 84 anni compiuti di recente, si racconta a 360 gradi e lo fa in occasione della presentazione del suo nuovo libro "Smemorabilia/Catalogo sentimentale degli oggetti perduti" edito da Mondadori, in cui parla di tutto ciò che non c'è più, dagli oggetti alle abitudini passando per le tradizioni di famiglia dimenticate. Quel che vien fuori dalla chiacchierata con il giornalista del Corriere della Sera che lo ha intervistato è uno spaccato a tratti esilarante della vita del conduttore, da sempre abituato a stare dall'altra parte della telecamera. 

Un rapporto particolare con la memoria

 "Ho spesso detto che è una cosa sciocca raccontarsi, rivela. Che è meglio vivere che raccontarsi. Ed invece ha scritto un libro che parla proprio di questo, di quello che è stato e non c'è più. Eppure rivela: "A distanza di anni tante storie appaiono incomprensibili: si capisce perché ci si lascia, meno perché ci si era messi insieme, spiega. Me ne rendo conto quando, sempre più raramente, ripenso ai miei trascorsi sentimentali". "Maria De Filippi? Soprattutto in questo caso, molto ma molto meglio vivere. E vivere per me è Maria”.

La tv, il successo il rispetto per il denaro e gli intervistati

Da sempre attento a non ostentare il successo raggiunto dopo sessant'anni di tv ai massimi livelli, Maurizio Costanzo assicura di "essere rimasto intatto dentro. Non ho mai valicato il limite del Marchese del Grillo: io so’ io e voi... eccetera. Certo, per gestire il potere occorre una dose di cattiveria (quella di scoprire la verità). Quella ce l’ho e credo si veda nelle interviste. Ma la cattiveria è anche rispetto verso l’intervistato". Poi sul suo rapporto con il denaro, rivela: "Non ho mai voluto arricchirmi per il gusto di arricchirmi. Ho maneggiato somme anche ingenti. Ma alla fine il mio rapporto col denaro è minimo. Mi serve per vivere bene. Ma ne ho rispetto. Non lo spreco, non subisco il fascino dell’accumulo, non ho mai investito in speculazioni".

Quel "vizietto" delle auto di lusso

Poco attaccato ai soldi, che non ha mai sprecato "Una volta  - racconta - dovetti vendere casa per ripianare i debiti del teatro Parioli. Ma riperderei volentieri quel denaro. L’amore infinito per il teatro, lo so, è un vizio costoso", ammette di avere un debole per le auto belle: "Con i primi guadagni mi comprai una Porsche. Non arrivavo nemmeno ai pedali. La usai pochissimo. Poi una MG e un’altra Porsche". MA senza un particolare interesse per la cilindrata. "Chissà perché, poi... non sono mai stato un vero appassionato di auto potenti. Ora, per fortuna mia e degli automobilisti romani, non guido più dal 1976".

La denuncia per adulterio

Nel libro di Costanzo si parla anche di donne e di adulterio. Esilarante il racconto: "Decenni fa ebbi una storia con una donna sposata. Il marito sporse denuncia, arrivarono i carabinieri. Per fortuna eravamo vestiti. Fecero la famosa prova della mano sotto le lenzuola per vedere se il letto fosse caldo. La prova fallì, niente denuncia. Rimasi a piede libero. Che follia... Oggi l’adulterio di un tempo è l’occasione per un sorriso di smemoria". Spazio quindi all'amore, con il giornalista che ammette di esser stato un buon corteggiatore ma senza "sfociare nella petulanza, nella barbarie della molestia".

Un pensiero per quando non ci sarà più

"Spero semplicemente di essere ricordato come una brava persona che ha fatto un programma durato quarant’anni. rivela Costanzo. Spero che nel 2050 si potranno regalare i cofanetti del Maurizio Costanzo Show come documento, e in mia smemoria. Sempre meglio...". "Meglio di una targa su una via", conclude.

Il ritorno in tv sempre al teatro Parioli

Maurizio Costanzo a fine settembre è tornato in tv, inaugurando in seconda serata su Canale 5 il nuovo ciclo del talk show più longevo della televisione italiana. Sullo stesso parlo, dello storico Teatro Parioli dove il "Maurizio Costanzo Show" è nato 40 anni fa, il 14 settembre del 1982.

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

La Hong Kong Philharmonic a Roma per la tournée dei suoi 50 anni
La Hong Kong Philharmonic a Roma per la tournée dei suoi 50 anni
Alla Iuc martedì 27 la prima mondiale in concerto di 7 di Filotei
Alla Iuc martedì 27 la prima mondiale in concerto di 7 di Filotei
Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala
Musica Classica: Gianandrea Noseda torna nella sua Milano, alla Scala
Barbie verso un futuro fluido, una mostra per i 65 anni
Barbie verso un futuro fluido, una mostra per i 65 anni

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...