[L'intervista] Vendicativa e irresistibile, la Balivo che non ti aspetti: "Vi spiego perché gli uomini sono come le lavatrici"

Codice da incorporare:

Taglia con le forbici i vestiti del suo ormai ex fidanzato che l’ha tradita. Legge i messaggi sui cellulari dei suoi partner, non senza prima averli avvertiti. Avvisa la fidanzata “ufficiale” della sua esistenza, cioè di quella di un’altra che credeva di essere “la fidanzata” e insieme scoprono che ne esiste una terza in nome “della solidarietà femminile perché le donne devono smetterla di farsi la guerra”. È bella, bellissima, anche se non ha i capelli biondi e gli occhi azzurri come ha sempre sognato. Sa di aver un grande ascendente sugli uomini. Eppure anche lei, come tante donne “normali”, viene tradita, mollata e qualche volta umiliata. Insomma la Lara, protagonista di “Gli uomini sono come le lavatrici”, è un personaggio nel quale tante donne si possono identificare, anche e soprattutto perché questa ragazza napoletana cresciuta a Roma e pacificata con se stessa a Milano non è depositaria soltanto di bei gesti. No, Lara sa essere perfida, vendicativa e superficiale. Proprio come tutte.

Lara è l’alter ego letterario di Caterina Balivo, la conduttrice televisiva che tutti i pomeriggi vediamo su Rai1 in “Vieni da me”. Caterina ha appena pubblicato il suo primo romanzo, “Gli uomini sono come le lavatrici” appunto. Un esordio davvero sorprendente anche se la conduttrice, che abbiamo intervistato alla presentazione romana del libro che è stata un vero e affollatissimo show con Teresa Ciabatti e Simon & The Stars, con grande sincerità ammette “di essere stata aiutata dagli editor della Mondadori”.

Il che non sminuisce affatto un romanzo capace di raccontare in maniera divertente e scorrevole i complicatissimi rapporti tra i due sessi, con una consapevolezza raggiunta dopo delusioni, sofferenze e ostacoli: “Bisogna vivere. Non sarà per sempre? Non importa. Sarà solo per una notte? Ma se ti fa star bene perché no? Se invece lui ti maltratta, allora ciaone”. Con una regola aurea che la ribelle caterina ha sempre fatto sua: "Decidi con la tua testa. Non permettere a nessun altro di farlo per te".

"Lara c'est moi"

Consapevoli che l’amore finisce, gli uomini si cambiano ma le lavatrici buone no. Già, questa per le lavatrici è proprio una fissazione per la Balivo che confessa: “Lara sono io. Tantissime cose che scrivo nel libro mi sono accadute. Compresa quella di aver finalmente trovato la persona giusta”. E cioè il marito Guido Maria Brera, manager finanziario e scrittore (dal suo “I diavoli” uscirà nel 2019 per Sky una serie tv con Patrick Dempsey e Alessandro Borghi) che arriva sul finire della presentazione e viene accolto dall’ironia partenopea di Caterina che lo canzona così: “Eccolo, lui è la sposa perché arriva sempre in ritardo”. Ora che è mamma di due bimbi, Guido Alberto, 4 anni, e Cora, 1 anno, Caterina racconta di aver fatto pace con se stessa, anche se “in passato mi sono sentita tante volte inadeguata. Soprattutto qui, a Roma, una città che per me è stata difficile”.

Leggendo il romanzo quindi è inevitabile finire a fare il gioco del “riconosci chi è”, tanto più che la Balivo è stata legata a lungo con Nicola Maccanico, figlio dell’ex ministro Antonio Maccanico. “Ma niente paura”, scherza ancora la conduttrice che è anche un'influencer con il suo blog "Catherina's Secrets". “Il libro sulla tv e sulla Rai lo scriverò quando avrò 60 anni”.