Carlotto: "Così abbiamo strapazzato il mio Alligatore in tv. E il risultato mi entusiasma"

Dal 18 novembre su RaiPlay e dal 25 su Rai Due, la serie tratta dai libri di Massimo Carlotto. Torna quel mondo narrativo, ma avrà sorprese. La videointervista

Dal 18 novembre su RaiPlay e dal 25 su Rai Due, arriva in televisione uno dei personaggi più iconici e amati della letteratura noir-hard boiled italiana. E non solo, data la sua fortuna anche all'estero. Marco Buratti detto L'Alligatore, detective senza licenza innamorato del blues e del Lagavulin, bravissimo a muoversi in quella zona grigia che sta in mezzo alla "normalità", le forze dell'ordine e i criminali, prende carne fisico e sguardo che perfora. A interpretarlo è Matteo Martari (già Tenco nel film Rai sulla vita di De André, ma anche ne I bastardi di Pizzofalcone) per la regia di Daniele Vicari ed Emanuele Scaringi. Nel cast anche Thomas Trabacchi, Gianluca Gobbi, Valeria Solarino, Eleonora Giovanardi Fausto Sciarappa e Andrea Gherpelli. Arrivano sul piccolo schermo (ormai sempre più grande) le storie con cui Massimo Carlotto ha consegnato il suo fortunato antieroe al grande pubblico. Dice lo scrittore: "Sono storie per niente consolatorie. E sono contento di come abbiamo strapazzato e trasformato il mio Alligatore. Rendendolo ancora diverso da come lo conoscono i lettori". La videointervista con l'autore