Tiscali.it
SEGUICI

Barbara D'Urso rompe il silenzio dopo mesi: "Che cosa è successo davvero a Pomeriggio 5"

Con un lungo e intenso post sul suo profilo Instagram, la conduttrice ha ripercorso la sua storia nel programma che ha creato e condotto per 15 anni

TiscaliNews   

Barbara D’Urso ha rotto il silenzio e ha condiviso con i suoi fan un lungo e intenso post sul suo profilo Instagram, in cui ripercorre la sua storia a Pomeriggio 5, il programma che ha creato e condotto per 15 anni, fino al suo improvviso addio lo scorso giugno. La conduttrice napoletana ha voluto ricordare il 1° settembre del 2008, quando insieme al direttore Claudio Brachino ha dato vita al format che l’ha resa una delle regine del pomeriggio televisivo italiano.

“Pomeriggio5 era la mia casa e i sacrifici li ho fatti col sorriso"

È stata un’avventura straordinaria, che mi ha permesso di portare avanti battaglie sociali, di intervistare tutti i leader politici fino all’ultima campagna elettorale, di informarvi e tenervi compagnia durante i mesi bui della pandemia”, ha scritto Barbara D’Urso, sottolineando la sua dedizione e abnegazione al servizio dell’azienda, che le ha imposto diverse limitazioni e cambiamenti nel corso degli anni. “Pomeriggio5 era la mia casa e i sacrifici li ho fatti col sorriso, anche quando siamo stati costretti ad andare in onda senza pubblico, dal centro di produzione che era una cattedrale nel deserto durante i lockdown, per poi proseguire così per due anni e mezzo”, ha aggiunto. 

Quello spazio progressivamente ridotto

La conduttrice ha poi raccontato come il suo spazio sia stato progressivamente ridotto, sia in termini di durata che di studio, e come abbia dovuto registrare gli ultimi due blocchi prima della diretta per lasciare il posto a Studio Aperto. “Ennesima limatura nella durata, che nelle ultime due stagioni è stata ridotta all’osso (per motivi ancora oggi a me oscuri). Negli ultimi due anni siamo stati costretti a partire mezz’ora dopo rispetto alle stagioni precedenti e dopo una soap che ci lasciava un traino del 9/10%”, ha lamentato.

Nonostante le difficoltà, Barbara D’Urso ha ricordato con orgoglio le alte punte di share raggiunte dal suo programma, dal 16 al 20%, e come le fosse stato chiesto di tornare alla conduzione prima che le cose cambiassero improvvisamente. “Non mi è stato permesso di salutarvi in diretta né di ringraziarvi per tutto l’affetto che mi avete dimostrato in questi anni”, ha detto con rammarico.

"Ora le chiavi le ha Marta"

Infine, la conduttrice ha augurato buona fortuna alla sua erede Mirta Merlino, che da lunedì prossimo prenderà il suo posto al timone di Pomeriggio 5. “Ora le chiavi di quella casa sono state date a Mirta, alla quale va da parte mia un grande in bocca al lupo. Pomeriggio5 tornerà finalmente ad avere un grande studio con il pubblico presente dal vivo, che potrà anche interagire in diretta”, ha scritto. E ha concluso con un pensiero per il suo pubblico: “Vi voglio bene e vi ringrazio per tutto quello che mi avete dato”.

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Se avessi è il nuovo brano di Cristina Scuccia
Se avessi è il nuovo brano di Cristina Scuccia
In radio Overdose d'amore 2024 di Salmo e Zucchero
In radio Overdose d'amore 2024 di Salmo e Zucchero
Dalla Classica ai suoni etnici, A Roma 'Melodie in villa''
Dalla Classica ai suoni etnici, A Roma 'Melodie in villa''
Un emozionato Umberto Tozzi colora di Rosa le Terme di Caracalla
Un emozionato Umberto Tozzi colora di Rosa le Terme di Caracalla
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...