Quel che non sappiamo dell'amore, svelato da Moccia e Tatangelo

Quel che non sappiamo dell'amore, svelato da Moccia e Tatangelo
di Emanuele Bigi

“L’amore ti rende migliore, l’amore ti rende infinito. Spesso ci sorprende e ci fa fare cose che non avremmo mai pensato. L’amore è anche follia”. Federico Moccia ci regala la sua definizione di quel sentimento che lo ha reso celebre tra i giovani e non solo. L’autore di Tre metri sopra il cielo questa volta affronta i tormenti del cuore in un programma televisivo che andrà in onda da lunedì 20 aprile in prima serata su Italia 1. Il titolo? About Love. Ne è l’autore e il regista. E non si poteva partire che da Ponte Milvio, “il ponte dei lucchetti” che Moccia a trasformato in luogo di culto. Qui ci si promette amore eterno. “Sì, siamo partiti da qui per poi girare il paese, dal Nord al Sud. Vogliamo raccontare l’Italia innamorata e che si innamora”, afferma l’autore e il regista della trasmissione.

Tatangelo e Alvin inviati - Ad essere gli inviati speciali che incontreranno gli uomini e le donne con le loro storie tormentate e felici sono Alvin (Isola dei famosi) e Anna Tatangelo. Loro saranno i testimoni delle reazioni a caldo degli innamorati, facendosi fautori di chi vuole realizzare la dichiarazione più folle o di chi desidera chiedere perdono, o di chi trova il coraggio di rivelare i propri sentimenti. In totale saranno trenta vicende sviluppate in cinque puntate, “storie vere che mi hanno sorpreso e commosso – afferma Moccia – questo programma è il mio film più vero. Mi sono reso conto che davanti a me accadevano delle cose non programmate, come la storia di una ragazza che da piccola ha subito gli abusi di un padre e che improvvisamente, tramite una persona sconosciuta, ha ritrovato la luce dell’amore e la voglia di vivere”. La firma di Federico Moccia è sinonimo di batticuore. “Il mio tocco lo riconoscerete nel modo di raccontare con leggerezza questi incontri o attraverso la scelta di certi dettagli. È un po’ come quando scrivi, che le parole a un certo punto ti portano a dimenticare che stai leggendo, ma a vivere quella storia d’amore come se fossi tu il protagonista”.