Arrestato Josè Luis Moreno, il vetriloquo che dava la voce al corvo Rockfeller

L'artista 74enne è finito in manette nell'ambito di una operazione della polizia spagnola contro una rete internazionale attiva nel riciclaggio di denaro

TiscaliNews

José Luis Moreno, ventriloquo, attore, cantante e conduttore, conosciuto anche in Italia per essere stato il "papà" del corvo Rockfeller, è stato arrestato a Madrid: l'accusa è di associazione a delinquere, frode, riciclaggio di denaro e sottrazione di beni. L'artista 74enne è finito in manette nell'ambito di una operazione della polizia spagnola contro una rete internazionale attiva nel riciclaggio di denaro. Sarebbero oltre 50 le ordinanze di custodia cautelare disposte dai giudici: tra i destinatari ci sarebbero anche due nipoti di Moreno.

Truffa da cinquantamilioni di euro

Secondo gli inquirenti, dopo aver ottenuto i fondi da istituti bancari e privati, Moreno e i suoi soci avrebbero organizzato una truffa stimata in circa 50 milioni di euro, attraverso una rete di società sospette. Pare che l’imprenditore e i suoi soci avessero creato più di 700 società mercantili e si sospetta anche di un coinvolgimento nel riciclaggio di denaro proveniente dal traffico di droga.

Protagonista negli anni '80

Moreno in Italia partecipò a numerosi programmi televisivi, tra cui il Dopofestival del Festival di Sanremo del 1984, Fantastico 5 sempre nel 1984, ancora il Festival di Sanremo nel 1985. Sempre negli Ottanta, fu protagonista a Domenica In su Rai, oltre a Pentatlon, Odiens e Finalmente venerdì su Canale 5. Vista la sua popolarità in graduale calo in Italia nella seconda metà degli anni Ottanta, Moreno decise di proseguire la sua carriera soprattutto con spettacoli in America Latina per poi di nuovo ritornare in Spagna. Pubblicò anche singoli e album con la voce del pupazzo Rockfeller.