[La storia] La falsa ereditiera milionaria che ha imbrogliato tutti, ora è scarcerata e fa gola alla tv

Il suo compenso è decuplicato col ritorno in libertà, la sua storia è considerata fra le più affascinanti. Per come ha ottenuto potere e soldi tra i Vip, con la menzogna

Anna Delvey-Sorokin-Sorokina dopo la cattura, a processo
Anna Delvey-Sorokin-Sorokina dopo la cattura, a processo

Fame di soldi, di quella vera e perenne, come se fossero le banconote e le monete o le cifre sul conto il cibo da mordere quotidianamente, altro che pane. "Avevo la rabbia della fame" aveva detto sotto processo, prima di aver messo a segno una frode clamorosa. Una messinscena quasi perfetta e in grado di chiamare i soldi con l'esca dei soldi da lei sempre ostentati e mai realmente posseduti. Ora che Anna Vadimovna Sorokina alias Anna Delvey alias ancora Anna Sorokin è di nuovo una donna libera, i cocci del passato sono il carburante che potrebbe accendere seriamente il suo razzo personale verso il lancio tv. Netflix la vuole così tanto che per aggiudicarsi la sua storia e trasponderla in una serie in streaming ha aggiornato la cifra a lei pagata dai primi 30 mila euro agli attuali 320 mila. Titolo di lavorazione quanto mai appropriato: Inventing Anna.

La ragazza che non c'era

E' durata sei anni l'epopea fraudolenta di Anna Sorokin. ll tempo di spostarsi, lei figlia di un camionista con problemi economici e di una commessa, dalla natia Russia fino alla Germania per completare gli studi e poi arrivare nel 2013 a New York (ma prima c'erano stati il diploma a Londra e un periodo a Parigi) come stagista della rivista di moda Purple dopo aver fatto esperienza in un società di comunicazione. Ma Anna, già diventata Delvey, aveva in mente una cosa sola: vivere alla grande, atteggiarsi a figlia di milionari, entrare nell'alta società facendosi dare sulla parola soldi a palate da chi li aveva davvero. E riuscendoci con la forza della sua ostinazione e capacità di mentire. La versione ufficiale è che la facoltosa ereditiera Anna avesse già da parte 60 milioni di dollari investiti in vari trust, e poi che di volta in volta si occupasse (assieme al padre) di mercato degli idrocarburi e di pannelli solari. L'uso dei social, dove millantava una vita da vera Vip, comparendo in yacht, aerei, boutique, case, party esclusivi, sempre regolarmente da imbucata e con l'ammirazione di chi la ospitava, amplificò il suo credito fino a procurargli quello vero. Anna era quasi riuscita ad ottenere un prestito da 22 milioni di dollari per aprire un club esclusivo nel cuore di New York. Poi i sospetti, le indagini, l'arresto e le lacrime di vergogna in aula. La ragazza che non c'era cedeva il passo a quello che era sempre stata: una qualunque, ma geniale a suo modo nel dire bugie e sceneggiarsi la vita.

L'abbraccio dei fan e la smania della televisione

Tornata in libertà dopo neanche due anni, per buona condotta, Anna Sorokin ha ricevuto l'abbraccio ammirato dei suoi oltre 75 mila follower su Instagram e la pacca sulle spalle di Netflix che ha decuplicato il suo compenso, purché lei permetta alla regina della tv Shonda Rhimes (Grey's Anatomy e ora l'acclamata e discussa Bridgerton) di trarre una serie tv dalle sue gesta. Finora la cifra, buona parte della quale usata per ripianare debiti e "stecche" che portarono al suo arresto, era congelata in un conto apposito, ma ora torna nella sua disponibilità, perché Anna Sorokina a 30 anni è libera e pronta per la celebrità a colpi di ascolti tv e follower.  A interpretarla sarà Julia Garner, già celebre per la serie Ozark