Tiscali.it
SEGUICI

Alessia Marcuzzi e il film con Bowie: "Mi violentò e uccise". Scene di nudo? Solo in due casi

La poliedrica showgirl parla della sua passione per il cinema e rivela qualche aneddoto delle sue esperienze sul set.

TiscaliNews   

Alessia Marcuzzi, la regina dei reality, è in realtà una vera appassionata di cinema. Nonostante la sua fama televisiva, la conduttrice non nega di aver sempre sognato, da bambina, di fare l'attrice. E qualche esperienza a dire il vero l'ha pure avuta. Non ha comunque rimpianti e ammette che forse non era abbastanza portata per la recitazione. A distanza di anni si prepara a un nuovo ruolo che in qualche modo la riavvicina a quel mondo: affiancherà Carlo Conti nella cerimonia dei David di Donatello su Rai1 il prossimo 3 maggio.

La grande stima per Monica Vitti

In un'intervista al Corriere della Sera, Alessia Marcuzzi ha parlato a lungo della sua passione per il cinema nata fin da bambina, quando ha visto il suo primo film al Drive In di Casal Palocco, il quartiere in cui viveva. Nonostante la sua carriera televisiva di successo, ha avuto momenti significativi anche nel cinema, come quando ha lavorato con grandi nomi internazionali in "Il mio West" di Veronesi. Alessia interpreta la maîtresse del bordello, amante di Harvey Keitel, mentre David Bowie la violenta e uccide. Un'esperienza che ha definito paradisiaca: 'Non è da poco essere ammazzata da David Bowie. La sua presenza metteva tutti sotto tensione, spaventava già prima ancora di arrivare', racconta.

La rinuncia per amore di Inzaghi

Fu proprio durante le riprese di quel film che Keitel consigliò ad Alessia di frequentare i corsi dell'Actor's Studio di New York, ma lei rinunciò perché si innamorò di Simone Inzaghi, il padre del suo primo figlio. La passione di Alessia per il cinema, però, non si limita solo alla recitazione. È un'appassionata degli Oscar e vive ogni cerimonia come un evento personale ed emotivo, tanto da costringere chi le sta intorno a restare sveglio tutta la notte e piangere ad ogni discorso di ringraziamento.

"Mi spoglierei solo in due casi"

Un ritorno al grande schermo non è escluso per Alessia Marcuzzi, persino con scene di nudo "Queste domande si fanno solo alle donne. Aspetto che me lo chiedano Sorrentino e Lanthimos, il regista di Povere creature". Tra i suoi registi preferiti c'è anche Nanni Moretti: "Adoro il suo realismo e la sua ironia. E poi anche lui, come me, odia i sabot, le scarpe chiuse davanti e aperte sul tallone". Quindi, non ci resta che aspettare e vedere quali e se cisaranno i prossimi progetti cinematografici di questa poliedrica conduttrice. 

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Morto a 92 l'attore Usa Dabney Coleman
Morto a 92 l'attore Usa Dabney Coleman
Emma Stone, Richard Gere, Uma Thurman: Hollywood sfila a Cannes
Emma Stone, Richard Gere, Uma Thurman: Hollywood sfila a Cannes
Il nuovo album 1987 di Bianca Atzei nel segno del divertimento
Il nuovo album 1987 di Bianca Atzei nel segno del divertimento
Il ritorno del punk-rock dei Finley con Pogo Mixtape Vol.1.
Il ritorno del punk-rock dei Finley con Pogo Mixtape Vol.1.

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...