[L'intervista] Alberto, la felicità e il panico: "Ecco a chi dedico la mia vittoria ad "Amici"

Tenore e polistrumentista ha steso tutti con la sua voce straordinaria. E dire che per due volte era stato scartato proprio dal talent di Maria De Filippi: "La colpa non è loro ma mia che avrei dovuto studiare ancora di più. E così ho fatto prima di ripresentarmi"

[L'intervista] Alberto, la felicità e il panico: 'Ecco a chi dedico la mia vittoria ad 'Amici'

È andata come era chiaro che sarebbe andata fin dal primo minuto. La diciottesima edizione di “Amici”, quella della maturità, quella di un livello artistico veramente alto, ha incoronato vincitore Alberto Urso e la sua voce infinita. In testa fin dalle prime prove, il tenore e polistrumentista di 21 anni non è mai stato davvero messo in discussione dagli altri tre finalisti, i ballerini Vincenzo e Rafael (che si è aggiudicato il primo posto nella categoria ballo) e la cantautrice Giordana, che ha portato a casa il Premio della Critica.

Maria De Filippi con il vincitore di "Amici18", Alberto Urso.

E dire che Alberto, laureato in canto lirico al Conservatorio di Matera ma capace di passare dalla lirica al pop e al rock come ha ampiamente dimostrato con una magistrale interpretazione di “The Show Must Go On” dei Queen, era stato scartato ben due volte dalla scuola di “Amici”. Lui, di un’umiltà davvero disarmante, commenta così: “Quando arriva un no non è una barriera ma una critica costruttiva. Vuol dire che non era il mio momento. La colpa non è loro ma mia che avrei dovuto studiare ancora di più. E così ho fatto prima di ripresentarmi”.

La felicità e il panico

“Questa vittoria la dedico a mia nonna che lassù, penso, sarà felice e a tutta la mia famiglia che ha fatto tantissimi sacrifici per portarmi dove sono in questo momento”. Comprensibile anche l'emozione del momento che gli fa confessare a caldo: "Vi giuro, ragazzi, non riesco a crederci. Sono veramente nel panico. Emozione pura, adrenalina a palla, non so neanche io dove sono. Non ci sono parole per descrivere l’emozione che sto provando in questo momento. Non ci ho creduto, è un sogno. Ancora non ho capito, devo metabolizzare".

Inevitabile avvicinarlo ai tenori del Volo. Ma lui traccia immediatamente una linea di demarcazione: “Il percorso che voglio fare è indipendente. La lirica è bellissima, continuerò a studiare. Non ho ancora deciso bene che strada seguirò, se la lirica o il crossover. Ma la musica è bella tutta, l’importante è farla bene e con passione. Amo tutti i generi, partendo da Pavarotti, Bocelli, Carreras per arrivare ai Pink Floid. Ascolto il pop, Cremonini, Jovanotti, il rap. La musica se è fatta bene è bella tutta. Io suono il pianoforte, la batteria e il sax tenore, contralto e soprano”. Di Alberto, che ha avuto il merito di avvicinare i tantissimi adolescenti telespettatori di “Amici” alla lirica e al bel canto, colpisce l’estrema semplicità, oltre che la dolcezza con la quale sposa la sua potenza vocale. “La prima cosa che voglio fare dopo la vittoria? Mangiare una granita al caffè. E poi dormire ancora per una notte in casetta”.

Le parole di Maria De Filippi piene di affetto e stima

Maria De Filippi lo accarezza con lo sguardo e lo avvolge in un abbraccio denso di emozione. Di lui, all’inizio della serata, aveva detto: “Alberto di te mi mancheranno tante cose ma soprattutto il divertimento e i sorrisi che mi hai regalato in questi mesi. Mi sono sempre stupita della tua ingenuità. Sei una boccata di aria fresca. Sei buono e inutilmente grato. Tutte le volte che hai cantato, mi hai sempre cercato con lo sguardo per avere un commento. E al mio cenno di assenso, ti portavi la mano al cuore. Ecco, vedi, io penso che tu debba solo ringraziare te stesso per come hai saputo lavorare sul tuo talento”.

Giordana, un futuro assicurato

Ma di sicuro Alberto non sarà l’unico di cui sentiremo parlare. Tutti e quattro i finalisti hanno un presente e un futuro denso di proposte e di grandi occasioni. A cominciare da Giordana Angi, una scrittura che ti mette spalle al muro e una capacità interpretativa che ricorda la rabbia esistenziale di Mia Martini. Anche Giordana ha vinto. Perché le sue canzoni, racchiuse nell’Album “Casa”, appena pubblicato da Universal, sono già cantate a squarciagola da tutti i ragazzi. E colpiscono al cuore. Come hanno testimoniato le lacrime in diretta di Alessia Marcuzzi e Michelle Hunziker, coinvolte e commosse dal brano sulla violenza contro le donne e da quello sul rapporto con il proprio padre. In più la cantautrice italo-francese firmerà quattro brani nel prossimo disco di Tiziano Ferro. E scusate se è poco.

Rafael fa "ringalluzzire" le primedonne Mediaset

Ma a vincere è anche Rafael, “un talento speciale”, come ha detto in apertura Maria De Filippi, una che di talenti se ne intende davvero. È lui con la sua eleganza e la sua sensualità a far “ringalluzzire” la giuria tutta al femminile e tutta made in Mediaset, Michelle Hunziker, Alessia Marcuzzi, Silvia Toffanin e soprattutto Ilary Blasi che per i suoi commenti accaldati riceverà in diretta un sms un po’ seccato del marito Francesco Totti: “Sei l’unica che fa la deficiente”.

Record di ascolti 

A vincere, ancora una volta, è Maria De Filippi che porta a casa la vittoria degli ascolti nella combattutissima serata di sabato, contro la rivale di sempre Milly Carlucci. A seguire la finale fino all’una del mattino sono stati 4 milioni e 804 mila telespettatori pari a una share del 27%. Sul web un record assoluto con oltre 2 milioni e 600 mila interazioni tra Facebook, Twitter e Instagram. Perché tutti per una sera si sono sentiti un po’ più amici.