A Natale in casa famiglia l'anteprima del film 'Ana'

A Natale in casa famiglia l'anteprima del film 'Ana'
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 23 DIC - Il grande cinema entra il 24 dicembre in una casa famiglia per rendere diverso il Natale dei giovani ospiti. Invisible Carpet ha scelto 'Casa dolce Casa', piccola struttura di Battipaglia (Salerno) istituita nel 2006 dalla cooperativa sociale Fili d' Erba per ragazzi privi della famiglia di origine, per l' anteprima nazionale del film 'Ana. Un viaggio tra amicizia, brutti ceffi e dissesto', sulla scia dell' esperienza 'inclusiva' del 18 settembre scorso nel carcere di Eboli, dove è stato proiettato in anteprima il film Waiting For The Barbarians. Uno schermo di mt.3x2 sarà installato nella salone della casa famiglia e 5 vere poltrone di velluto rosso saranno smontate dal Cinema Teatro Italia di Eboli per essere trasferite temporaneamente nella mini-sala. Popcorn, biglietti cinema in formato poster e personalizzati, due Elfi e un Babbo Natale con tanti doni creeranno un ulteriore clima di festa natalizia. «Il cinema è vivo e vegeto, e se il pubblico non può venire al cinema, sono felice di poter portare parte della mia sala a questo speciale pubblico» dice Vito Bufano, direttore del Cinema Teatro Italia di Eboli, chiuso per le disposizioni anti-Covid. All'iniziativa hanno aderito partner prestigiosi con doni, donazioni e supporto alla comunicazione la Nazionale italiana Cantanti, Givova, Giffoni Film festival, il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici /Nastri d'Argento, Annamode Costumes. ''Abbiamo accettato con molto piacere di aderire all'iniziativa di Invisible Carpet perché è un percorso generoso e interessante'' ha sottolineato Laura Delli Colli, presidente del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici. Ana, diretto da Charles McDougall, è un road movie che ha per protagonisti Ana (Dafne Keen), una ragazzina di 10 anni, e Rafa (Andy Garcia), un indebitato venditore di auto usate, che dopo la recessione economica conseguente all'uragano di Portorico, dove è ambientato il film, si ritrova ancora di più pressato dai creditori. Le loro strade s'incontrano quando la madre di Ana viene arrestata e la ragazzina, per sfuggire ai servizi sociali, si nasconde in un'automobile del rivenditore Rafa. (ANSA).