[L'intervista] Nathalie Guetta, l'amore a 60 anni e il ripensamento su "Don Matteo"

"partecipare a "ballando" e conoscere una persona come Milly carlucci mi ha cambiato la vita". l'attricefrancese che si divide tra Parigi e l'Italia racconta questo momento positivo. In Tv accanto a Flavio Insinna conduce "Prodigi"

Codice da incorporare:

“Dico sempre che a “Ballando con le stelle” sono entrata Natalina e sono uscita Nathalie Guetta perché è la verità, senza naturalmente voler togliere niente a “Don Matteo”. Restare impigliato in un personaggio è normale, succede a tutti gli attori. Ed era successo anche a me. Partecipare a quel programma è stato come entrare in terapia e imparare alla mia età una cosa bellissima e cioè che ci si può buttare e mettersi in gioco. In questo è stato fondamentale l’ambiente che ho trovato e soprattutto una persona straordinaria come Milly Carlucci, colta, generosa e disponibile. Non finirò mai di ringraziarla”. Con quel suo buffo accento un po’ parigino un po’ napoletano l’attrice che condurrà con Flavio Insinna “Prodigi”, serata speciale di Rai1 (in onda il 30 novembre in prima serata) dedicata all’Unicef, ai giovanissimi talenti e alla solidarietà, in questa videointervista racconta il suo momento positivo “visto che sono stata chiamata a fare cose nuove e diverse”.

Per Nathalie il 2018 è un anno speciale perché ha compiuto 60 anni: “A questa età si tracciano i bilanci e soprattutto ci si chiede che cosa si vuole realizzare ancora nella vita. A livello lavorativo sono molto rilassata: ciò che arriva sono regali. Invece ho voglia di viaggiare perché la vita non è solo lavoro. Vorrei fare della solidarietà occupandomi di bambini e animali. E infine se possibile vorrei innamorarmi un’altra volta”. E “Don Matteo”? I tanti fan della serie tv campione di ascolti, ormai affezionati al suo personaggio, non si preoccupino. Nathalie in questa intervista racconta che non ha dato l’addio a Terence Hill e compagni come sembrava volesse fare tempo fa. “Da maggio girerò una nuova serie. E sarà l’ultima anche perché mi sembra che sia ora”.