Luca Argentero come Doc: "Anch'io non mi so più trattenere e parlo dell'amore per mia moglie"

"Forse è qualcosa dovuto alla maturità, ma il fatto è che sono sempre più diretto e schietto nel dire ciò che penso. Cristina? Mi ha cambiato la vita in meglio. È speciale"

Torna il medico più amato della tv e con lui uno degli attori più seguiti e ammirati. Luca Argentero riveste il camice di Andrea Fanti in “Doc – nelle tue mani”, il medico che ha perduto 12 anni di memoria al centro della serie campione di ascolti (ha raggiunto picchi di 8,9 milioni di telespettatori e del 34% di share) di Rai1, in onda da giovedì 13 gennaio per otto prime serate. E stavolta dovrà vedersela non solo con i fantasmi che ripopolano il suo passato ma anche con il Covid: "Il dottor Fanti ha trovato nel reparto la sua nuova famiglia e un nuovo equilibrio di vita. Lo ritroviamo dove lo avevamo lasciato o quasi. Ma non può immaginare che genere di tempesta si stia per abbattere su tutti: la peggior pandemia degli ultimi cento anni, la prima nella storia di estensione globale, con Milano come epicentro mondiale”.

Il Covid però non prenderà la scena. Al centro della serie tv prodotta dalla Lux Vide ci sono le storie personali del team che gira intorno a Fanti e a Giulia Giordano, la sua ex interpretata da Matilde Gioli che lui non ricorda di aver amato. “E soprattutto c’è la sua capacità di incarnare il medico che tutti vorremmo avere, capace di ascoltare i pazienti e di vederli come persone, capace soprattutto di empatia. Credo che sia questo il vero motivo del successo di questa serie”, racconta Luca Argentero nella videointervista concessa a Tiscali.it.

Un destino che in qualche modo riesce a incarnare lo stesso Luca Argentero, soprattutto quando, come successo qualche giorno fa a “Domenica in”, parlando della sua bellissima moglie Cristina Marino, riesce a dare voce ai sentimenti. La sua dichiarazione d’amore ha commosso tantissime persone che sognano di riceverne una del genere almeno una volta nella vita: “Nulla sarebbe così speciale se non fosse per quella ragazza speciale che è Cristina. Una donna incredibile e speciale che si prende cura di me e di noi.  Non solo è la donna più bella che io abbia mai visto, è un vulcano, è intraprendente, è un'imprenditrice e una grande lavoratrice. Il nostro è stato un incontro fulminante. Ho capito immediatamente che c'era qualcosa di unico tra noi, che poteva generare qualcosa di ancora più grande. E infatti abbiamo creato una famiglia stupenda ed è nata Nina Speranza”.

 

Così in questa videointervista ritorna su quelle parole e svela l’effetto che hanno prodotto nella sua famiglia: “Mia madre mi ha chiamato commossa. Ma anche mia suocera mi ha ringraziato”. E confessa: “Anche io, come Andrea Fanti, ho scoperto di non riuscire a trattenere le parole. Forse è qualcosa anche dovuta alla maturità, ma il fatto è che sono sempre più diretto, trasparente, veloce ed immediato, mi piace dire quello che penso con schiettezza”.