Ilary Blasi copia "Tale e Quale Show"? La risposta della conduttrice è sorprendente

Carlo Conti abbozza: "C'è spazio per tutti; Coleta attende: "Prima di giudicare bisogna vederlo"; Ilary spiazza tutti e rivendica: "In tv è tutto uno scopiazzare"

In natura, si sa, nulla si crea, nulla si distrugge e tutto si trasforma. Figuriamoci in televisione dove i programmi si succedono, le trasmissioni si moltiplicano e i format si "arrabbattano" come possono. Così può capitare che ci siano dei programmi che si somigliano e altri che sembrino fotocopie l'uno dell'altro, a volte per segmenti, a volte completamente. E se un tempo non troppo lontano la cosa faceva gridare allo scandalo e spesso si finiva in tribunale, ora sembrano tutti molto più cauti. 

Succede così che l'arrivo di "Star in the Star" su Canale 5, programma condotto da Ilary Blasi in onda da giovedì 16 settembre che sulla carta pare somigliare molto sia a "Tale e Quale Show" di Carlo Conti, sia al "Cantante Mascherato" di Milly Carlucci, venga salutato in Rai con molta attenzione ma anche prudenza. Carlo Conti, ad esempio, ha abbozzzato un sorriso dicendo che in tv "c'è posto per tutti" ma poi si toglie la soddisfazione di citare la famosa reclame della Settimana Enigmistica: "Siamo il programma che conta più tentativi di imitazione".

Il direttore di Rai1 Stefano Coletta ha confessato  di "essere curioso di vedere il programma perché "gli show si giudicano dopo la messa in onda. Ora non ho elementi per giudicare con obiettività anche se la scelta di  farlo debuttare il giorno prima di "Tale e Quale Show" (che sarà in onda da venerdì 17 settembre) non l'ho gradita. Credo nella correttezza". E ancora: "Ho capito che avrebbe delle affinità con il Cantante Mascherato perché utilizza la maschera, ma anche delle differenze, ma sono fermamente convinto nella mia lunga storia autoriale che i programmi si possono valutare soltanto quando li vediamo. Un programma è fatto da una dinamica che avviene in studio. Io sono onesto, è chiaro che non mi sia piaciuto che vada in onda il giorno prima di Tale e Quale.  Ognuno mette in atto le proprie strategie, io sono una persona pacifica per cui auguro sinceramente un successo a Star in the star ma ancor più a Carlo Conti. Anzi mi auguro che sia addirittura un traino per Tale e Quale".

A "Star in the Star" dieci concorenti appartenenti al mondo dello spettacolo hano la possibilità di vestire i panni delle più grandi leggende della musica italiana e internazionale, da Mina a Elton John, da Lady Gaga a Michael Jackson. E proprio come accade in Tale e Quale Show saranno truccati di tutto punto per imitare nelle movenze, nell'aspetto e nella voce l'artista in qestione. Non solo. Proprio come accade a "Il cantante mascherato" l'identità dei concorrenti è nascosta. Inutile dire che c'è anche l'immancabile giuria composta da Luca Tommassini, Claudio Amendola, Marcella Bella e Andrea Pucci. 

Ilary: "In tv è tutto uno scopiazzare"

Interrogata in proposito da "La Stampa", Ilary Blasi non ha invece battuto ciglio. Anzi ha alzato un sopraciglio dicendo: "La tv è il luogo dove molto di quello che vediamo si copia e si ripete. Succede anche nella moda e nel cinema, dove è tutto uno scopiazzare. Basta però cambiare alcune regole, il mix crea sorprese impensabili".