Belve, Claudia Gerini: “Da ragazzina sono stata molestata da un direttore del doppiaggio”

Codice da incorporare:
fonte: NOVE

Ogni donna ha il suo episodio di molestia”. Claudia Gerini scava in un passato da dimenticare della sua carriera nello spettacolo. “Le è successo qualcosa da ragazzina, adolescente poi da ragazza, che avrebbe preferito non vivere e ripensandoci oggi le fa male, qualche episodio sgradevole?”, chiede la giornalista. “Mi sono capitati degli episodi di molestie, dai quali sono riuscita a fuggire; anche piccola, abbastanza piccola”. L’attrice mette a fuoco la memoria: “Uno in particolare, un po’ più pesante, ma non sono stata vittima perché sono riuscita a defilarmi ’snasando’: noi donne dobbiamo alzare le antenne e capire quando è una trappola”. Fagnani la incalza: “E’ un regista?”. “No, era un direttore del doppiaggio”, risponde una delle protagoniste dei film di Carlo Verdone e di tanti altri cineasti. “Ha più avuto modo di incontrarlo e dirgli qualcosa?”, chiede la conduttrice. L’attrice chiude con amarezza: “Purtroppo no”.