"Preparatemi tre flaconi di ansiolitico": Fiorello va a Sanremo. La telefonata in diretta con Baglioni

In diretta radiofonica durante la prima puntata de "L'Ora del Rosario", lo showman prende di sorpresa il cantautore e annuncia: "Il 6 febbraio vengo al Festival"

'Preparatemi tre flaconi di ansiolitico': Fiorello va a Sanremo. La telefonata in diretta con Baglioni

“Allora vengo il 6 febbraio” e, rivolto a Enrico Cremonesi e ai suoi autori, dice scherzando sulla sua ansia: “Preparatemi tre flaconi di Lexotan”. Fiorello ha tratto i dadi e ha deciso di passare il Rubicone che nel suo caso è la Riviera Ligure. Lo showman siciliano, sogno proibito di tutti i conduttori e direttori artistici del Festival, ha annunciato che andrà a Sanremo. E naturalmente lo ha fatto a modo suo, in diretta radiofonica su Radio Deejay nel corso della prima puntata de “L’Ora del Rosario”(in onda dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 20). Fiorello ha chiamato al telefono Claudio Baglioni e gli ha detto: “Ti starai chiedendo: “Ma perché Rosario mi ha chiamato?”. Baglioni, divertito e incuriosito, ha ripetuto diligentemente la domanda. E a quel punto Fiorello lo ha spiazzato così: “Claudio, circa 10 giorni fa mi hai mandato un bellissimo messaggio per invitarmi al Festival e io ti ho risposto che sono un tipo ansioso, che non ce la faccio e tutte quelle menate che mi faccio sempre… Poi però in questi giorni ti ho visto in tv a fare l’imbianchino negli spot, ci ho pensato e mi sono detto: “perché no?”. A quel punto Claudio Baglioni ha esclamato: “Che bella notizia! Ma davvero?” e, citando la parabola del Figliol Prodigo ha detto: “Prendete le vivande migliori che ci siano per il Figliol Prodigo. Siano decretati 20 anni di feste”. Fiore, riferendosi a Enrico Cremonesi, gli ha risposto: “Visto che qui c’è un vegano, potremmo dre: apriamo la papaia più grossa che c’è”. E Baglioni, confermando il feeling e l’amicizia che lo lega a Fiorello, è stato allo scherzo e ha continuato: “Certo, uccidete il cocomero più grosso che si possa pensare”.

Rosario Fiorello e Claudio Baglioni durante una delle tante performance insieme. I due sono nati lo stesso giorno, il 16 maggio.

"Voglio fare lo scaldapubblico"

Il siparietto è continuato così: “Vengo in apertura e faccio lo scaldapubblico. Su le mani! Giù le mani”. Ma Baglioni ha rilanciato: “Ma no, Fiore. Vieni alle 22,30 qundo tutta Italia è riunta davanti alla Tv”. “Ma io a quell’ora sono già a letto da mezz’ora. Meglio in apertura di serata a fare lo scaldapubblico. Su le mani! Giù le mani”. E a quel punto Baglioni non si è lasciato sfuggire la battuta: “Intanto faccio gli auspici: tiro giù le mani e le tengo molto giù come rito propiziatorio". Risate in studio e una certezza: Fiorello al Festival ci sarà. Dopo la sua partecipazione in garanel 1995 con il brano “Finalmente tu”, soltanto nel 2001, nel Festival condotto da Raffaella Carrà, Rosario aveva accettato l’invito di andare ospite. Ora anche il divo Claudio ha messo a segno il colpaccio.