Tiscali.it
SEGUICI

Fiorello costretto a emigrare su un'altra rete: il clamoroso autogol di Rai1 che perde due volte

Alla fine la polemica montata dal tg1 contro l'arrivo nella fascia mattutina del nuovo programma dello showman è andata a segno: Fiorello accetta la "retrocessione" su Rai2. Ma ora il Tg del mattino, che già perde regolarmente con Canale5, avrà un nuovo formidabile antagonista

Cinzia Marongiudi Cinzia Marongiu   

Alla fine la polemica montata dal Tg1 e le barricate alzate dai giornalisti a colpi di “sfregi”, comunicati sindacali e lettere contro l’arrivo di Fiorello nella fascia presidiata dal telegiornale diretto da Monica Maggioni sono andate a segno: il numero uno degli showman ha accettato di “retrocedere” su Rai2. Ad annunciarlo è l’amministratore delegato Carlo Fuortes.

Il nuovo titolo "Viva Rai2" la dice lunga sull'impegno che lo showman metterà

Il morning show di Fiore cambia rete, dunque, e cambia pure titolo: non più “Viva Asiago 10”, sede storica di Radio Rai, ma “Viva Rai2”. Un titolo identitario che la dice lunga sull’impegno che Fiorello, straordinario professionista che si è visto sbattere in faccia la porta proprio dalla rete che a lui deve record di ascolti e programmi da infiocchettare nelle teche Rai, vorrà mettere in questa sua ennesima sfida: 135 puntate, dal 5 dicembre a giugno, per illuminare e ridare smalto a Rai2 da anni in crisi di identità e in emorragia di ascolti. 

Rai2 ritroverà lo spirito ironico e innovativo dei tempi di "Quelli della notte"

Facile prevedere che Rai2 potrà ritrovare grazie a Fiorello quello spirito ironico e innovativo che la fece grande ai tempi dei fasti arboriani di “Quelli della notte” e di “Indietro tutta”. Ma soprattutto è doveroso segnalare che Rai1 più che una vittoria abbia messo a segno un clamoroso autogol: quella fascia oraria mattutina in cui il Tg1 viene regolarmente superato dal Tg5 ora avrà un altro formidabile protagonista, anzi antagonista. Uno capace di fare informazione e spettacolo, di meshare i generi come nessun altro, di improvvisare gag e battezzare personaggi più veri del vero, di fabbricare buonumore, di creare virtuose sinergie tra il web e la radio. E soprattutto di tirarsi dietro una consistente presenza di sponsor.

Per Rai1 più che una vittoria un clamoroso autogol

Insomma un numero uno che avrebbe potuto giovare non di poco agli ascolti traballanti del mattino di Rai1. E che ora invece finirà per affossarli ancora di più. Intanto Fiorello inizierà il 7 novembre su RaiPlay il rodaggio della sua nuova creatura: la fascia prescelta è tra le 7 e le 8.30 con un orario ancora da stabilire nei dettagli. Oltre che su RaiPlay il programma potrà essere ascoltato su RayPlaySound, Rai Radio Tutta Italiana. Inoltre il sabato e la domenica, su Radio2, andrà in onda il meglio della settimana. E dal 5 dicembre sarà ancora una volta “Viva Fiorello”.

Cinzia Marongiudi Cinzia Marongiu   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Supersex, la serie che cambia il nostro sguardo sul porno. Borghi, Rocco Siffredi e l'ossessione del sesso
Supersex, la serie che cambia il nostro sguardo sul porno. Borghi, Rocco Siffredi e l'ossessione del sesso
Filippo Timi ossessionato da Dostoevskij e dalla paura di guardarsi nel monitor durante le riprese
Filippo Timi ossessionato da Dostoevskij e dalla paura di guardarsi nel monitor durante le riprese
Malkovich nei panni di Lucien Lelong in The New Look
Malkovich nei panni di Lucien Lelong in The New Look
Luca Argentero (Ansa) e Francesca Argentero (Instagram)
Luca Argentero (Ansa) e Francesca Argentero (Instagram)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...