Fabio Fazio spostato, Maria De Filippi fermata, Fiorello invocato: grandi manovre in Rai

Fabio Fazio spostato, Maria De Filippi fermata, Fiorello invocato: grandi manovre in Rai

In Rai, si sa, non c’è giorno senza che una qualche polemica si addensi all’orizzonte. Da qualche mese a questa parte, poi, l’azienda di Stato e in particolare Fabio Fazio sono entrati nell’agenda quotidiana del vicepremier Matteo Salvini che decine di volte dai social e dal palco dei suoi comizi ha parlato contro il detestato conduttore di “Che tempo che fa”, a suo dire strapagato e fazioso.

Le tre puntate tagliate 

Il caso è da diverse settimane sulla scrivania dell’ad Fabrizio Salini che sta cercando un accordo per la riduzione del cachet di un contratto comunque blindato per altri due anni. Da qualche giorno però la trattativa ha avuto un’accelerazione, impressa dalla decisione della direzione di Rai1 affidata a Teresa De Santis di tagliare ben tre puntate di “Che fuori che tempo che fa”, senza avvisare i vertici dell’azienda di Stato. Un'iniziativa che ha irritato non poco Salini, spingendolo a chiedere spiegazioni. La trattativa così ora coinvolge in prima persona lo stesso conduttore, che, stando alle voci, dalla prossima stagione televisiva potrebbe essere spostato di canale, da Rai1 a Rai2 dove se non altro ritroverebbe Carlo Freccero, già suo direttore ai tempi di “Quelli che il calcio”.

Il ritorno di Fiorello

Ma la vera novità, anticipata da Repubblica, è che l’ad Salini si starebbe incontrando con Rosario Fiorello per convincere lo showman a un clamoroso ritorno in tv. L’esca usata dalla Rai stavolta sarebbe quella della piattaforma Raiplay: un qualcosa quindi di innovativo e multimediale, ovvero tutto ciò che suona come un canto delle sirene alle orecchie di Fiore, da sempre attratto dalle novità ma anche insofferente alle leggi dell’auditel e all’ansia da prestazione legata agli ascolti di una prima serata televisiva. Anche perché, va ricordato, nel suo caso si tratterebbe di confrontarsi con risultati davvero pazzeschi che lui stesso ha portato a casa in tempi di minor addensamento televisivo.

L’idea sarebbe quella di creare dei contenuti su RaiPlay che poi sarebbero distribuiti anche sugli altri media Rai, dai canali generalisti alla radio. Inutile dire che il coinvolgimento di Fiotello , che proprio oggi compie 59 anni, sarebbe il colpo grosso della gestione salini, che ha promesso cambiamento e attenzione ai costi.

Il rinvio del palinsesto estivo e la De Filippi 

Nel frattempo le tensioni favorite dall'ormai prossima tornata elettorale continuano a salire. Al momento è stata rinviata di una settimana la presentazione del palinsesto estivo di Rai1: il motivo sarebbe da ricercare nella presenza di alcni conduttori troppo politicizzati". E in effetti in lizza per UnoMattina c'era Roberto Poletti, già direttore di Radio Padania, e per Linea Verde la forzista Nunzia De Girolamo, ora impegnata a "Ballando con le stelle".  Ma le tensioni non coinvolgono solo la politica. Ci sono anche le care vecchie rivalità a suon di ascolti. E in questo campo quella che oppone  Milly Carlucci a Maria De Filippi è di sicuro la più sentita e in questi giorni ha registrato l'ennesimo capitolo.  La conduttrice di Canale 5, dopo aver ospitato ad “Amici” Mara Venier, era attesa in casa Rai, a “Domenica in” per la puntata del 19 o al limite per quella del 26 maggio. L’ospitata però è saltata perché in Rai qualcuno si è fatto sentire.