Pio e Amedeo premiati su Rai1 attaccano Fedez. La replica è furiosa

Il duo comico affonda: "Dai, Fedez fai la polemica che si fa il traffico sui social. Poi fai "swipe up" e mi vendi i prodotti: "Comprati lo smalto che ho fatto io". Ma il rapper non ci sta e la replica è durissima

Anche quando non c'è finisce al centro dell'attenzione. O meglio, della polemica. Perché oramai Fedez non ne perde una. Pure quando, come in questo caso, non è certo lui che va a cercarsela.

A chiamare in causa il rapper milanese sono Pio e Amedeo, il duo comico che qualche mese fa ridato ossigeno agli ascolti di Canale5 con un varietà come "Felicissima Sera", al centro a sua volta di critiche per il discusso monologo sul politically correct. L'occasione è quella dei Seat Music Award, in scena dall'Arena di Verona con la doppia conduzione di Carlo Conti e Vanessa Incontrada. Manifestazione dove i due comici in forza a Mediaset sono stati invitati per ritirare un premio ("per aver innovato il linguaggio tv"), mentre il rapper, tra i protagonisti indiscussi dell'estate musicale con "Mille", cantato insieme con Orietta Berti e Achille Lauro, è assente. Il direttore di Rai1 Coletta, alla vigilia della manifestazione aveva però assicurato che l'assenza del rapper non era da mettere in connessione con la furiosa polemica fatta da Fedez dal palco del 1 Maggio, quando in un sol colpo ha attaccanto i politici, in particolare alcuni esponenti della Lega, che si erano macchiati di atteggiamenti omofobi o sessisti e la stessa Rai per presunti tentativi di censura. Secondo alcuni dirigenti della Tv di Stato, infatti,  il discorso di Fedez  era inopportuno in quanto politico e senza contradditorio.

Così ecco Pio e Amedeo sul palco che provocano: "Ci avevano detto: i dirigenti della Rai censurano, non si può dire niente. E invece no. È libera, c'erano tutti i dirigenti lì dietro, nessuno si è permesso di venire da noi a dirci: ragazzi che dite? Di cosa parlerete? Nessuno. Anche perché se ce lo avessero chiesto, ci saremmo inventati altre cose. Si fa così, soprattutto quando è in diretta. Uno va in diretta e dice quello che pensa. Anche qualcun altro avrebbe potuto fare così senza suscitare tante polemiche". Il riferimento a Fedez è chiaro e poi arriva l'affondo: "Dai, Federico (vero nome di Fedez, ndr) fai la polemica, ti piace che si fa il traffico sui social. Poi fai "swipe up" e mi vendi i prodotti: "Comprati lo smalto che ho fatto io", "Comprati la valigia"". 

Un'accusa decisamente grave per chi, come Fedez, da anni è in prima fila nella battaglia per i diritti negati (il suo discorso dal palco del Concertone era in favore al ddl Zan) e delle giuste cause (come non ricordare la raccolta fondi record per la terapia intensiva del San Raffaele?). Insomma, l'accusa appare decisamente pretestuosa. E infatti il rapper non perde nemmeno un secondo e si lancia in una replica furiosa dal letto di casa: "Stavo andando a dormire e mi hanno scritto “Pio e Amadeo ti hanno dissato“ (ovvero attaccato, ndr)", esordisce il rapper dalle sue storie di Instagram. E ironizza: "Figo, una delle cose più fighe viste in Rai, una grande installazione artistica. Nella rete in cui non vorrebbero che tu citassi i nomi dei politici perché non è presente il contraddittorio, ti ripulisci la coscienza ingaggiando due rivoluzionari anticonformisti, cercando di attaccare l’avversario senza contraddittorio. Bravi tutti".  Poi l'affondo finale contro Pio e Amedeo: "Bravi Pio e Amedeo. Spero di diventare un giorno un rivoluzionario anticonformista, un antisistema come voi. Domani comincerò uscendo per la strada dando del ne..o e del fr..io a tutti per strappare un sacco di sorrisoni. Però ora che ci penso mi avete un po' deluso. Voi che siete così rivoluzionari e anticonformisti, dopo aver detto ne..o e fro..o in tv, potevate almeno uscirvene con una bestemmia su Rai1. Tanto i cristiani vi avrebbero perdonato. Mi sa che vi state arrugginendo, state perdendo lo smalto. Dovrò prestarvene un po'".