Crozza come Razzi: "Adoro papaveri e papere. Alla mia ragazza dicevo: mettiti a papavero"

Maurizio Crozza comincia in video e poi irrompe direttamente sul palco dell'Ariston. Conti gli fa da spalla, parlando della minaccia rappresentata da Donald Trump e i suoi modi rozzi. Crozza risponde che il grande scrittore Philip Roth ha detto che il neo presidente Usa conosce 77 parole, e quatto di queste sono ku klux klan. E aggiunge: "In Italia con quattro parole, fatti i cazzi tuoi, c'è chi è diventato senatore". Ed eccolo nei panni di Antonio Razzi.

L'oleodotto disturba i pellerossa? C'è la pasta di Fissan

Crozza-Razzi prende da parte Conti e va a valanga: "Io amo la città di Sanremo. Ricordo Papaveri e pecore, Finché la vacca va, alla mia ragazza le dicevo Mettiti a papavero". Niente temi ambientalisti per il senatore: "L'oleodotto dove vivono i pellerossa? Basta usare la pasta di Fissan, e via la pelle rossa. Ancora i c...o di indiani? Ma non avevano vinto i cowboy? Cosa sono questi retaggi del passato? Ma lasciamola lavorare  la sindaca Retaggi.

Carlo "Acconto" e il senatore faccia a faccia

Ma siccome Cont-spalla insiste con i temi ambientalisti e la rozzezza di Trump, Crozza-Razzi diventa minaccioso: "Carlo Acconto, fatti li cazzi tua. Che ti frega del muro col Messico, la cucina messicana ti resta qua. Per questo Speedy Gonzales corre così veloce. Se hai un giardino bello grande, al limite ci metti gli indiani. Poi Donald fa passare l'oleodotto e tu ci fai la grana. Ora però vorrei cantare". E parte la canzone su Donald Trump. Non prima di essersi avvinghiato a Maria per baciarla e di averle allungato la mazzetta, dato che lo aveva presentato in bello stile: "Non puoi lavorare gratis". Il pezzo parodia è alla Frank Sinatra. Un Razzi crooner canta: "Nel mondo c'è chi legge ai libri. C'è pieno di chi va dentro ai musei. Tu che accogliamoli tutti: attaccati al Trump. Tu che ci tieni all'ambiento: attaccati al Trump". Arrivano i fiori di Sanremo e Crozza, nel finale, fa il discolo: "Vedo il direttore generale Rai, Campo Dall'Orto. Anni fa mi disse: vieni a fare un programma a La 7. E se oggi sono qua a Sanremo come ospite lo devo a quella proposta".