Tiscali.it
SEGUICI

"L'ondata anti-Napoli è una brutta cosa. Geolier se ne freghi. Chi vincerà, chiunque esso sia, lo avrà meritato"

Così Amadeus in conferenza stampa risponde alle domande sulla “rivolta” contro la vittoria di ieri sera di Geolier: i fischi alla lettura del verdetto, mezza galleria che si alza e se ne va

di Laura Rio   
Amadeus e Fiorello scherzano durante la conferenza stampa (Ansa)
Amadeus e Fiorello scherzano durante la conferenza stampa (Ansa)

Questa ondata anti-Napoli è veramente una brutta cosa. Ma Geolier se ne deve fregare, deve andare avanti. Chi vincerà questa sera, chiunque esso/a sia, ritengo che lo abbia meritato”. Così Amadeus in conferenza stampa risponde alle domande sulla “rivoltacontro la vittoria di ieri sera di Geolier: i fischi alla lettura del verdetto, mezza galleria che si alza e se ne va, il cantante che ricanta attonito il medley insieme a Guè, Luchè e Gigi D’Alessio, e poi la valanga di insulti sui social, i commenti razzisti, quelli che ipotizzano una truffa da parte della camorra. Insomma tutta la vasta gamma di pregiudizi contro i napoletani. E’ il tema del giorno e se ne parla molto con i cronisti. “Ci sta che nella storia del Festival che l’Ariston abbia rumoreggiato, fa parte della serata anche il disappunto. Ma i fischi li ho trovati ingiusti – continua Amadeus – soprattutto nei confronti di un ragazzo poco più ventenne. Si vedeva nella faccia che era dispiaciuto. Ma è un professionista, ha cantato e questo evento lo fortifica ancora di più”.

Solo domenica verranno resi noti i voti che hanno portato il cantante napoletano - che per la prima volta ha portato sul palco di Sanremo un brano non in italiano - a risultare primo ieri sera (voto popolare, sala stampa e radio). Intanto vedremo stasera cosa succederà nella grande finale. In apertura verrà svelata la classifica provvisoria di tutti e 30 gli artisti (che ricanteranno tutti), somma delle classifiche delle prime quattro serate, poi si darà via al telefoto che deciderà i cinque finalisti. Tra questi il vincitore sarà decretato con il voto della sala stampa, delle radio e ancora degli spettatori, che pesano per un terzo ognuno.

Stasera sarà la volta di Fiorello come presentatore, come co-conduttore per la precisione. “E questa ragazzi è una novità - dice in conferenza - io mica faccio il presentatore di solito. Non sarà facile per me fare la persona seria”. E sarà ancora più difficile perché per la prima volta ci saranno in platea sua moglie Susanna e le figlie Angelica e Olivia. “Per me un’emozione, mica come per Ama che ha sempre moglie e figlio in prima fila”. Ospiti di stasera: Roberto Bolle che praticamente non ha dormito per arrivare a Sanremo perché ieri sera era a Londra dove è stato celebrato per i 25 anni di danza alla Royal Opera House, poi Gigliola Cinquetti che ricanterà “Non ho l’età” sessant’anni dopo e Luca Argentero e Claudio Gioè, che lanceranno la fiction Makari 3.

Spazio in conferenza stampa anche all’unico scandalo di questo Festival: le scarpe di John Travolta. Oltre al direttore Ciannamea che ha ribadito che la Rai farà causa all’azienda che cura i diritti dell’attore se ce ne saranno gli estremi, Amadeus ha detto: “Io neanche lo volevo far venire Travolta perché non avevo spazio tra così tanti cantanti in gara. Lui voleva venire di sabato, poi ha detto "quando volete” e allora io ho pensato al mercoledì. Poi abbiamo ideato la gag del ballo del qua qua e per me era tutto è finito lì”.

Al di là delle polemiche sulle scarpe, degli ignobili insulti razzisti, dei trattori parcheggiati fuori dall’Ariston, i vertici Rai festeggiano gli altissimi ascolti di questa edizione. La quarta serata è stata la più vista da quando esiste la rilevazione Auditel, cioè dal 1987 con il 67,8 per cento di share e quasi 12 milioni spettatori. E nel 1987 c’erano solo sette reti, oggi ce ne sono centinaia. Importante è l’ascolto altissimo tra i giovanissimi che ha riportato i ragazzi a vedere Raiuno.

“Una delle migliori pagine della televisione italiana di sempre - hanno commentato insieme l’ad Roberto Sergio e il dg Giampaolo Rossi - è la dimostrazione che questo quinto Festival firmato Amadeus è capace di parlare a tutti, di abbattere barriere generazionali, di farsi portatore di messaggi universali e di rappresentare il più alto livello artistico italiano”.

di Laura Rio   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Amadeus dopo cinque anni da record di ascolti saluta Sanremo (Ansa)
Amadeus dopo cinque anni da record di ascolti saluta Sanremo (Ansa)
Sanremo, polemiche sul voto: la vittoria contestata e la classifica alternativa. Che vede in testa...
Sanremo, polemiche sul voto: la vittoria contestata e la classifica alternativa. Che vede in testa...
Sala stampa sotto accusa: un avvocato di Napoli contro i giornalisti: Il loro voto fa discriminazione
Sala stampa sotto accusa: un avvocato di Napoli contro i giornalisti: Il loro voto fa discriminazione
Angelina Mango e Geolier zittiscono veleni, sospetti e polemiche. La lezione di due ventenni agli...
Angelina Mango e Geolier zittiscono veleni, sospetti e polemiche. La lezione di due ventenni agli...
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...