Sabrina Ferilli-Show: "Dire sì a Sanremo è come essere catturati dal Kgb". Il saluto a Tiscali

Battuta pronta e bellezza intramontabile. E soprattutto quella capacità unica, prettamente romana, di prendere tutto con nochalance, di sdrammatizzare, di buttarla sul ridere ma anche di creare empatia immediata con chi ha davanti. Sabrina Ferilli arriva a Sanremo ed è subito show. In sala stampa scoppiano risate e fioccano applausi a ogni suo intervento. La primadonna della serata finale del Sanremo dei record è in formissima, per quanto scherzi sull’età che avanza. “Sono contenta che Amadeus mi abbia chiamato. È stato ai primi di gennaio e soffrivo per la prima volta in vita mia di cervicale. Il che conferma che gli anni avanzano. E insomma ero rintronata di farmaci, cotta, una tossicodipendente piena di antinfiammatori e cortisone. Così quando Presta mi ha chiamato gli ho detto subito di sì ma poi mi è venuto il dubbio: “Vuoi vedere che me lo sono sognata?”. Il fatto è che da un giorno all’altro non mi ricordavo nulla. E non sapevo proprio come farmelo confermare. Alla fine ho preso il coraggio e dopo due o tre giorni l’ho chiamato. Mi sono detta o mi risponde “che ca..o stai a di’?” o “sì, sono felice”. Per fortuna me l’ha confermato”. Risate e lei inarrestabile continua: “Quando dici sì a Sanremo è come essere catturati da una squadra del Kgb: “stai zitta, non parlarne con nessuno, neanche con i genitori, non fiatare”. Insomma, cose da 007".

Scherza pure sulla durata mostre delle serate sanremesi: “Magari Amadeus mi farà uscire alle 3, faremo corsi di sopravvivenza. Per fortuna è previsto qualche piccolo snack. Tutt'al più mi vedrete sul finale quando si dirà chi ha vinto". In realtà c’è chi la vedrebbe bene al timone del prossimo Festival, magari in compagnia dell’amica Maria De Filippi. Ma Sabrina vola basso e precisa: “Condure Sanremo? No, grazie, io voglio fare l’attrice. Mi piace fare il mio lavoro. Anche qualche divagazione al tema, ma presentare è un'altra cosa. Non sono d’accordo con la confusione di ruoli di questo periodo, la trovo pericolosa: ognuno deve fare il suo e migliorarsi nel suo. Saltare di palo in frasca non incontra il mio parere positivo". E in coppia con l'amica Maria De Filippi? "Potrei portare solo il contributo che porterò stasera. E poi, Amadeus, che fai ti fermi? L'hai detto? Se è per questo l'aveva detto pure Mattarella, ma poi è rimasto".