Miele non è riammessa alla finale, canta da ospite e per lei è ovazione: "Ringrazio Conti per la sua umanità"

Il ricorso presentato dalla cantante delle Nuove proposte, dopo il verdetto ribaltato da un doppio voto, è respinto. Fine di un pasticcio

Miele non è riammessa alla finale, canta da ospite e per lei è ovazione: 'Ringrazio Conti per la sua umanità'
Vittoria, poi eliminazione, poi ricorso e definitiva eliminazione. Lacrime per Miele (Ansa)
di Cristiano Sanna

Quel pasticciaccio brutto del Festival di Sanremo si conclude male per Miele. Vincitrice poche ore fa della sfida fra Nuove proposte con Francesco Gabbani (che voci di corridoio danno addirittura favorito per la vittoria di stasera), eliminata poco dopo a causa di un problema tecnico che aveva impedito, a dire della direzione artistica del Festival, di raccogliere in modo congruo il voto della sala stampa. Verdetto sbagliato, nuovo voto, verdetto ribaltato fra polemiche e l'entrata in azione della polizia postale, mentre lo staff di Miele presentava ricorso contro la decisione. L'esito del ricorso, annunciato poco dopo le 17, è negativo. La cantante resta eliminata, ma poi canta come ospite della finale delle Nuove proposte (che verrà vinta da Gabbani, l'eliminato poi riammesso).

Il perché del no - Questa la motivazione che ha portato a confermare l'eliminazione dell'artista: "La direzione di Rai1 e la direzione artistica del Festival di Sanremo - spiega una nota ufficiale - si sono riunite per prendere in esame la richiesta della cantante Miele di essere ammessa alla finale delle Nuove proposte in aggiunta ai 4 finalisti, in seguito alla ripetizione del voto in sala stampa che si è resa necessaria a causa di un inconveniente tecnico. Dopo attenta analisi è emerso che il regolamento del Festival non può essere modificato alla conclusione di votazioni considerate regolari, ma le modifiche possono essere attuate soltanto per esigenze organizzative e/o funzionali, tra le quali non rientra il caso in esame. Il direttore artistico Carlo Conti ha confermato, anche nel corso di un incontro personale con l'artista, il proprio invito alla cantante a partecipare alla quarta serata del festival di qualità di ospite".

Lei: "Come è umano Conti" - Niente gara quindi, finale non a cinque ma a quattro, come da regolamento. A Miele resta da cantare fuori gara la sua Mentre ti parlo di me che aspetta migliori occasioni e altre attenzioni. La stoffa c'è, il pezzo è interessante. Fin troppo neutro il commento dell'eliminata dal pastrocchio tecnico: "Sono venuta a Sanremo per cantare, al di là della competizione: ringrazio Carlo Conti per la sua umanità e accetto l'invito a salire sul palco questa sera come ospite. Per me non è un compromesso né un contentino". Del resto, non c'era molto altro da fare. Bisognerebbe chiedersi, piuttosto, se non sia ora per lo meno di controbilanciare televoto e "tele-cosi" in mano ai giornalisti con le indicazioni delle preferenze provenienti dai social network. Spesso in controtendenza rispetto al voto, diciamo così, classico. Al momento il termometro social è caldissimo per Arisa, Clementino, Rocco Hunt, e vuole bene al duo Iurato-Caccamo, che invece i giornalisti snobbano e al televoto va così così. C'è tutto un mondo intorno all'Ariston, caro Sanremo, non ti ricordi dei Matia Bazar che proprio tu hai premiato vincitori piu volte?

di Cristiano Sanna