Tiscali.it
SEGUICI

Gli Articolo 31 scatenati: "Pirla colorati a chi? La nostra rivincita e la risposta ai giovani rapper"

Dopo anni di dissapori, J-Ax e Dj Jad sono tornati alla grande: Sanremo, il tormentone "Disco paradise" con Fedez e Annalisa, un tour "e a breve un album. E a chi, quando abbiamo cominciato, ci diceva che eravamo delle meteore ecco cosa rispondiamo"

di Tiscali Spettacoli   

Il sorriso di J-Ax è ironico: “Quando abbiamo cominciato, nel 1993, quelli dell’establishment musicale e certa critica dicevano “questi durano poco, sono delle meteore”. E invece… Già essere qui con una certa rilevanza è una bella rivincita”. Dj Jad annuisce e aggiunge: “Ma lo diciamo con ironia, non siamo incattiviti”. Rieccoli gli Articolo 31, tornati tra i grandi protagonisti di questa stagione musicale. Dopo anni di dissapori li abbiamo visti al Festival di Sanremo festeggiare l’armonia ritrovata con “Un bel viaggio”. Da settimane sono in cima alle classifiche con Annalisa e Fedez grazie a “Disco Paradise”. E ora li ritroviamo al Rock in Roma, di cui Tiscali è media partner,  dove hanno mandato in delirio oltre 10 mila fan. In questa videointervista concessa a Rockol raccontano il loro momento magico ma si tolgono anche qualche sassolino dalle scarpe. Come quando rispondono a Ernia che aveva parlato di. Certi rapper come “dei pirla colorati”. Ecco J-Ax : “Sono permaloso e me la sono presa come se quella frase fosse diretta a noi. Anche perché a suo tempo noi eravamo colorati e pure pirla.  Con il senno di poi potrei rispondere dicendo che dovremmo aspettare se poi tu duri quanto il pirla colorato. Comunque ci piace molto la musica di Ernia (risate)”. E aggiunge: “Capisco il suo punto di vista da vecchio saggio”.

I giovani rapper ci chiamano boss. Vai a capire se sono sinceri

In realtà gli Articolo 31 si sentono molto apprezzati dalla nuova generazione di rapper: “Ci sentiamo molto apprezzati da chi fa il rap oggi. Quando li incontriamo  nel back stage in tantissimi ci dicono “abbiamo iniziato con voi”, ci chiamano “mito, capo, boss”. Poi certo bisogna vedere quanto siano sinceri”. E Dj Jad: “Mi sento un po’ un papino”.  

Di gavetta ne hanno fatta tanta ma la rivendicano: “Ringrazio di aver iniziato a fare rap quando il rap non era di moda perché  questo ci ha permesso di vivere la discriminazione che partiva da cose stupide tipo indossare il cappellino da baseball. Ci ha rafforzato”.

Gli Articolo 31 a Sanremo nel febbraio 2023

Chi ci segue è perché la pensa come noi

In quanto al pubblico che li segue hanno le idee chiarissime: “Il nostro pubblico dell’epoca è lo stesso che abbiamo oggi. Nel senso che non siamo mai stati un gruppo generazionale. Chi ci segue lo fa per il nostro pensiero, la nostra mentalità”.

Loro di certo non sono cambiati a parte “qualche acciacco e molta più autoironia”. In quanto alla nuova armonia ritrovata raccontano: “Non abbiamo date di scadenza. Abbiamo fatto un singolo, ora siamo un tour e stiamo lavorando a un album. Il che non ci preclude di fare anche cose da soli. Le nostre sono due carriere che possono unirsi o separarsi ma gli Articolo 31 rimangono un’unica entità”.

 

 

di Tiscali Spettacoli   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Manuel Agnelli: Il mio tour inutile e la mia fase di estrema libertà. Mi è mancata la leggerezza
Manuel Agnelli: Il mio tour inutile e la mia fase di estrema libertà. Mi è mancata la leggerezza
Lazza nel backstage di Rock In Roma (immagine dalla videointervista)
Lazza nel backstage di Rock In Roma (immagine dalla videointervista)

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...