Tony Driver, antieroe tra Usa e Italia

Tony Driver, antieroe tra Usa e Italia
di Ansa

(ANSA) ROMA 14 AGO - Pasquale Donatone, in arte Tony Driver, protagonista assoluto di questo film omonimo di Ascanio Petrini, girato tra Stati Uniti, Messico e Puglia, ha la faccia popolare di chi alla fine non ci sta e si ribella. Un miscuglio perfetto, il suo, di ingenuità e di ostinazione che lo rende alla fine un loser simpatico pieno di buon cuore e sempre pronto al vaffa verso i potenti (su tutti Donald Trump). Questo, in sintesi, il protagonista di 'Tony Driver', proposto dalla Settimana Internazionale della Critica al Festival di Venezia, che mette in campo la biopic di questo antieroe destinato inevitabilmente a suscitare simpatia. "In lui e nella sua storia - racconta il regista nelle sue note - ho trovato un nuovo personaggio capace di muoversi tra il Trevis Bickle di Taxi Driver e Willy il Coyote di Road Runner: un antieroe destinato a perdere, ma anche a provarci".