Tiscali.it
SEGUICI

Pupo scatena la guerra fredda della musica. "Non metta piedi qui, è amico di Putin"

Scontro tra Pupo e i paesi baltici: il concerto del cantante toscano, previsto per il 26 marzo a Siauliai, è stato cancellato in segno di protesta per la sua recente esibizione al Cremlino

TiscaliNews   

"Pupo amico di Putin, non metta piede in Lituania": con questo annuncio i paesi baltici hanno decretato la cancellazione del concerto del cantante toscano previsto per il 26 marzo a Siauliai. La decisione arriva in risposta all'esibizione di Pupo in Russia durante la campagna elettorale di Putin, gesto che gli organizzatori del live lituano non hanno gradito. "Una buona notizia per tutti coloro che non sono indifferenti all'aggressione russa all'Ucraina", hanno commentato, sottolineando l'importanza di "chiudere le porte della Lituania a tutti gli artisti filo-russi".

La replica di Pupo non si è fatta attendere

"Nella mia vita non ho mai preso ordini da nessuno", ha dichiarato ai microfoni russi. "Credo che la cultura, l'arte e la musica non debbano subire alcun tipo di censura. I signori lituani parlano di intolleranza, ma in questo caso mi pare che gli intolleranti siano loro. In Russia non mi hanno mai messo davanti alla scelta. Io sono un uomo libero".

L'antefatto

Il concerto di Pupo in Russia aveva già acceso la polemica, soprattutto dopo l'annuncio del cantante di realizzare uno speciale televisivo per il 15 marzo intitolato "Pupo and Friends", presentato come "il mio modesto contributo per la pace. Ho deciso di andare in trincea". Dichiarazioni che avevano persino scatenato ironia e critiche, come quelle di Fiorello a VivaRai2: "Putin attaccherà la Nato nel 2026? Allora Pupo ha fallito: la 'Pupostroica' non ha funzionato. Aveva promesso la pace, ma qui le cose vanno a peggiorare". Tra l'altro, non è la prima volta che Pupo si trova al centro di critiche per i suoi legami con Mosca: il cantante, come molti altri artisti italiani, è da sempre molto popolare in Russia, dove ha riscosso grande successo negli anni Ottanta e Novanta.

Il complesso rapporto tra cultura e politica

La vicenda di Pupo è solo l'ultima di una serie di episodi che mettono in luce il complesso rapporto tra cultura e politica, soprattutto in un contesto internazionale delicato come quello attuale. La censura e la libertà di espressione sono temi di grande attualità, e il caso di Pupo non fa altro che alimentare il dibattito. Resta da vedere se la cancellazione del concerto in Lituania avrà un effetto domino su altri eventi futuri di Pupo e se il cantante deciderà di prendere una posizione più netta sulla situazione in Ucraina. Di sicuro, la sua "trincea" artistica è diventata un terreno di scontro.

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Paolo Fresu e la sua tromba in Berchidda Live
Paolo Fresu e la sua tromba in Berchidda Live
Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh
Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh
Raiz, il ricordo commosso della moglie poi l'appello: Il femminicida più cruento e senza pietà è lì fuori
Raiz, il ricordo commosso della moglie poi l'appello: Il femminicida più cruento e senza pietà è lì fuori

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...