Tiscali.it
SEGUICI

Prima volta "indimenticabile" di Mannoia in Argentina

di Ansa   
Prima volta 'indimenticabile' di Mannoia in Argentina

(ANSA) - BUENOS AIRES, 04 GIU - Si preannunciava come un vero e proprio evento e così è stato. La prima volta di Fiorella Mannoia a Buenos Aires ha lasciato il segno con un concerto che resterà nella memoria della nutrita comunità italiana della capitale argentina. L'interprete e cantautrice emblema della tradizione musicale italiana non ha deluso le attese e, accompagnata sul palco dell'italianissimo Teatro Coliseo da una formazione ridotta della sua band con un piano e due chitarre acustiche, ha presentato per l'occasione un repertorio che ha spaziato "tra le canzoni che hanno formato la nostra storia, la nostra generazione". Così lo aveva descritto lei stessa in una breve intervista con ANSA a pochi minuti dall'inizio del tradizionale concerto organizzato dal Consolato generale d'Italia per la celebrazione della Festa della Repubblica: "Sono le canzoni che hanno accompagnato la mia vita.

A maggior ragione perché vengo in un altro paese ci tengo che un altro paese ascolti le canzoni che hanno formato la nostra storia, la nostra generazione", ha detto. E così è stato, con una "scaletta" che oltre ai suoi successi più conosciuti (come "Quello che le donne non dicono" e "Come si cambia") e i brani più recenti (come "Combattente"), ha spaziato da Lucio Dalla ("Cara") a Vasco Rossi ("Sally") , passando per un omaggio alla musica latinoamericana, con "Bésame Mucho", "Quizas" e la sua ormai classica versione di "Que serà" di Chico Buarque. Nel paese dove è nato il movimento del "Non una di meno" (Ni una menos) Mannoia non ha rinunciato inoltre a fare un accenno alla questione della violenza di genere al finale di "Quello che le donne non dicono". Qui, al "ti diremo ancora un altro sì" dell'ultima strofa si è aggiunto un "oppure un forse" e, ha aggiunto la cantante, "nel caso fosse un no, allora quando diciamo no è no". Una presa di posizione che ha ricevuto il pieno sostegno del pubblico con un lungo applauso. Il concerto si è concluso con una serie di bis memorabili, e tra questi il brano con cui Mannoia raggiunse la celebrità a Sanremo del 1981, quel "Caffe nero bollente" che oggi definisce come "una vecchia foto della gioventù a cui guardiamo con tenerezza". (ANSA). .

di Ansa   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
In 30mila a Milano per i Negramaro, Giuliano duetta con Elisa
In 30mila a Milano per i Negramaro, Giuliano duetta con Elisa
Ankoneide,serata dedicata a Raffaella Carrà con standing ovation
Ankoneide,serata dedicata a Raffaella Carrà con standing ovation
A Luca Guadagnino il Premio Pesaro Nuovo Cinema 60
A Luca Guadagnino il Premio Pesaro Nuovo Cinema 60
Anna Castiglia vince Musicultura 2024 con la canzone 'Ghali'
Anna Castiglia vince Musicultura 2024 con la canzone 'Ghali'
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...