La verità dietro il mito Frank Sinatra

La verità dietro il mito Frank Sinatra
di Ansa

(ANSA) - MILANO, 7 GEN - Molti hanno affrontato e raccontato il mistero e la leggenda di Frank Sinatra, voce unica e vita complessa con legami mai davvero chiariti con la malavita. Ma forse nessuno come Renzo Magosso è arrivato così vicino alla verità affrontando di petto il passato e gli intrecci dell'inscalfibile mito. E così 'The Voice' ne è venuto fuori in molti aspetti sconosciuti: dietro l'innegabile fascino pezzi di realtà compongono un collage ben diverso dal comune sentire. In questa vera e propria ricerca sul campo, 'Frank Sinatra. Una vita da Boss' (191 pp, 18 euro) edito da Book Time, si capisce che l'autore è un cronista con propensioni da storico: tutto è documentato ed è frutto delle 'suole consumate' da giornalista. E così emerge che il buon Frank aveva un timpano fuori uso pur essendo considerato uno fra gli orecchi musicali migliori del Novecento, che mamma Dolly gli ha aperto la strada grazie ai rapporti con la malavita, che ai suoi inizi di cantante si faceva spalleggiare da un gangster.