Julia Alvarez, 25 novembre celebra sorelle Morales

Julia Alvarez, 25 novembre celebra sorelle Morales
di Ansa

(di Alessandra Baldini) (ANSA) - ROMA, 25 NOV - La Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che ogni anno si celebra 25 novembre fu ispirata da un romanzo e ce ne parla Julia Alvarez, l'autrice di "Il Tempo delle Farfalle", che nel 1994 raccontando la storia delle sorelle Mirabal, uccise il 25 novembre 1960 per aver partecipato alla resistenza contro il dittatore dominicano Rafael Trujillo, diede il via a un movimento che oggi illumina di rosso citta' e piazze d'Italia e nel resto del mondo "Sono cresciuta ossessionata da quella storia. Noi e i Mirabal, famiglie di sole figlie, ma noi eravamo le sorelle sopravvissute, loro erano la nostra ombra e quello che avrebbe potuto succederci se fossimo rimaste. Mio padre faceva parte della stessa rete underground, ma di una diversa cellula. Scappammo nell'agosto di quell'anno, io avevo 10 anni, e tre mesi dopo le sorelle Mirabal erano morte per liberare il nostro paese", racconta all'ANSA la scrittrice dalla sua casa nel Vermont: "Sentivo che qualcuno doveva raccontare la loro storia. Quando seppi che c'era un'altra sorella sopravvissuta, e che, come me, era la secondogenita di quattro, sentii che a farlo dovevo essere io". Dopo "il Tempo delle Farfalle", Alvarez ha scritto altri romanzi, lultimo, "Aldila'" appena pubblicato in Italia da Black Coffee, racconta la storia di Antonia Vega, da poco andata in pensione dopo anni trascorsi a insegnare, come lei, in un college del Vermont, la cui vita subisce una brusca virata quando improvvisamente l'adorato marito Sam muore e una ragazzina messicana incinta e senza documenti bussa alla sua porta di casa. "Aldilà", dopo 15 anni di libri per giovani adulti, segna una svolta per la 71enne Alvarez: fiction diretta a lettori della terza età alle prese con tutti i problemi di quando si invecchia. "E' un territorio inesplorato, in cui la protagonista e' una donna anziana. Tutti invecchiamo ma pochi diventano "elder", anziani di una tribù, una comunità. Volevo capire, vivere e integrare questi problemi nella mia vita prima di scriverne. Ecco perche', come ho spiegato al mio editore, ci sono voluti 15 anni per farlo". (ANSA).