Tiscali.it
SEGUICI

"Fiore Mio", il film di Paolo Cognetti in anteprima a Locarno

di Askanews   
'Fiore Mio', il film di Paolo Cognetti in anteprima a Locarno

Roma, 10 lug. (askanews) - In compagnia dell'inseparabile cane Laki, lo scrittore Premio Strega Paolo Cognetti torna nello scenario alpino de "Le otto montagne", questa volta per un documentario che racconta il Monte Rosa attraverso paesaggi mozzafiato e incontri con chi nella montagna ha trovato, prima che una casa, un vero e proprio "luogo del sentire".Con queste prime immagini inizia il viaggio di "Fiore Mio", il primo film scritto, diretto e interpretato da Paolo Cognetti, che verrà presentato in anteprima mondiale alla 77esima edizione del Locarno Film Festival come evento di pre-apertura il 6 agosto in Piazza Grande.Dopo il successo de "Le otto montagne", tratto dal suo omonimo romanzo e diretto da Felix Van Groeningen e Charlotte Vandermeersch, vincitore del Premio della Giuria a Cannes 2022, Paolo Cognetti arriva al cinema il 25, 26 e 27 novembre con un nuovo titolo, prodotto da Samarcanda Film, Nexo Studios, Harald House e EDI Effetti Digitali Italiani con il sostegno della Film Commission Vallée d'Aoste.

Protagonista di "Fiore Mio", che dopo l'uscita italiana sarà distribuito in tutto il mondo da Nexo Studios, è il tema più viscerale della poetica di Cognetti: quella montagna che l'autore ha esplorato anche nel documentario "Sogni di Grande Nord" diretto da Dario Acocella, dove ha seguito le tracce del Christopher McCandless di Into the Wild negli incredibili e remoti scenari dell'Alaska. Questa volta il viaggio di Paolo Cognetti si fa più vicino allo spettatore e racconta, in modo intimo, introspettivo e mai scontato, la sua montagna: il Monte Rosa.A chiudere il viaggio la presenza preziosa del cantautore Vasco Brondi, amico fraterno di Cognetti e in questa occasione, per la prima volta, al lavoro su un'intera colonna sonora. Per il film, oltre alle musiche originali, Brondi ha scritto e interpretato una nuova canzone, "Ascoltare gli alberi", che chiuderà il documentario. "Fiore mio", la traccia presente nel finale del film e che ne ha ispirato il titolo, è invece da tempo una delle canzoni più popolari di Andrea Laszlo De Simone, cantautore e musicista torinese che ha vinto il Premio César 2024 per la Migliore Musica Originale di Animal Kingdom (Le Règne Animal), divenendo il primo italiano ad aggiudicarsi questo prestigioso premio."Fiore Mio" è prodotto da Samarcanda Film, Nexo Studios, Harald House e EDI Effetti Digitali Italiani con il sostegno della Film Commission Vallée d'Aoste e in collaborazione con Montura e Jeep, technical partner SONY, service di produzione L'Eubage. Sarà distribuito nei cinema da Nexo Studios in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY e MYMovies.it.

di Askanews   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Mittelfest, inaugurazione nel segno della libertà di scelta
Mittelfest, inaugurazione nel segno della libertà di scelta
Kool & the Gang portano 60 anni carriera a Bologna e Taranto
Kool & the Gang portano 60 anni carriera a Bologna e Taranto
Mimmo Cavallaro, il cantore della Calabria più vera
Mimmo Cavallaro, il cantore della Calabria più vera
Tornatore, che nostalgia i tempi di Diario di Guttuso
Tornatore, che nostalgia i tempi di Diario di Guttuso
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...