Dai campi profughi i ricami di Sep arrivano a Milano

Dai campi profughi i ricami di Sep arrivano a Milano
di Ansa

(ANSA) - MILANO, 23 SET - Sono prodotti ricamati da ricamatrici-rifugiate palestinesi e siriane, residenti a Gerasa, nel nord della Giordania, quelli della collezione Sep, che apre il suo primo negozio italiano in Via dell'Unione 7, a Milano, durante la fashion week. SEP è una B-corp nata nel 2014 per volontà di Roberta Ventura che ora conta circa 500 'artiste' dai 18 ai 56 anni. Ventura ha lasciato una carriera ventennale nella finanza nel 2016, per dedicarsi a tempo pieno con il marito Stefano al loro 'Social Enterprise Project' che ha la missione di portare migliaia di rifugiati al di sopra della soglia di povertà, grazie al loro talento e attraverso la creazione di accessori di moda e lifestyle di lusso. Grazie alle ricamatrici rifugiate siriane e palestinesi in Giordania, Sep crea prodotti quali Keffiyeh, cuscini, porta cellulari, arredo bagno, accessori in cashmere che poi vende nei suoi store di Amman, Ginevra e Berlino e da oggi anche a Milano. Il brand mira a stimolare un dibattito sul potenziale dei rifugiati come agenti economici attivi e impatta direttamente 6 dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS), creati dalle Nazioni Unite per migliorare il mondo entro il 2030. (ANSA).