Achille Lauro all'Onu per parlare agli studenti

Achille Lauro all'Onu per parlare agli studenti
di Ansa

(ANSA) - ROMA, 20 MAR - "Ieri ho tenuto un discorso al Palazzo di Vetro di New York nell'Aula dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Ho testimoniato al 'Global Citizens Model United Nations' un progetto che raccoglie studenti da tutto il mondo nelle sedi Onu". Achille Lauro racconta sui suoi social l'esperienza alle Nazioni Unite, invitato a parlare della sua esperienza e del suo progetto che lo ha portato a incontrare gli studenti e a confrontarsi con loro sul loro futuro. "Sono onorato - ha scritto - che il progetto 'Che sarà nelle scuole' abbia avuto questa accoglienza in questi mesi e che, dopo tutto quel percorso, ora io sia a parlare a New York con tantissimi studenti e professionisti di tutto il mondo su temi così importanti e che mi stanno tanto a cuore", ha aggiunto il cantante romano.

L'artista ha tenuto un discorso sul ruolo della musica come arte che unisce le popolazioni e sull'importanza di investire nelle proprie passioni di fronte a una platea gremita di studenti internazionali. Achille Lauro ha colto la prestigiosa occasione di stabilire un dialogo anche a livello globale su temi a lui cari con i ragazzi e i diplomatici della Grande Mela. "E' stato un grande onore per me varcare la soglia del Palazzo di Vetro dell'Onu, un luogo così importante e simbolico per la pace e le relazioni internazionali e poter parlare di musica come forma d'arte che unisce i popoli di fronte a studenti provenienti da tutto il mondo - ha esordito -. Sono enormemente fiero del progetto che ho portato avanti nelle scuole italiane nei mesi scorsi dove ho testimoniato la mia passione autentica per la musica che è diventata anche una professione con l'obiettivo di essere d'aiuto a chi ha ancora davanti il proprio futuro e si trova a intraprendere una scelta di vita così importante". Ha proseguito l'artista: "Spero veramente che a tutti i ragazzi sia rimasto qualcosa dentro. Io credo moltissimo nei giovani e so che possono veramente cambiare il mondo, è anche grazie a loro che sono arrivato fino a qui". (ANSA). .