"A Stasi Comedy" vince il Festival del Cinema tedesco a Roma

di Askanews

Roma, 20 mar. (askanews) - È tutto vero, il regista tedesco Leander Haussmann giura di non aver inventato niente, il semaforo che veniva controllato a distanza per testare l'onestà dei cittadini, o i Sex Pistols, come narra la leggenda, creati a tavolino dalla Stasi, e ancora un fascicolo della temuta polizia dell'ex Germania comunista che aperto 30 anni dopo rivela un'amante del padre del regista... È "A Stasi Comedy" ("Leander Haussmanns Stasikomoedie"), che ha vinto la terza edizione del Festival del cinema tedesco, 4 giorni di proiezioni al cinema Quattro Fontane a Roma e che da quest'anno ha chiamato il pubblico a votare il Miglior Film. "Mio padre non faceva parte della Stasi, ma c'è una storia simile, quella in cui lui ritirò il suo dossier dell'archivio della Stasi e con mia madre, c'ero anche io nel momento in cui aprì questo documento, spuntò la lettera di un'amante degli Anni Sessanta".

Ventitré anni dopo il successo di "Sonnenallee" (1999) e 17 dopo "Nva" (2005), Haussmann con "Stasikomoedie" (2022) chiude la sua trilogia sulla Ddr. Protagonista questa volta è Ludger Fuchs, nella Berlino di oggi uno scrittore famoso, all'epoca infiltrato a Prenzlauer Berg, allora culla della Beat Generation, un uomo con una doppia vita, divenuto infine eroe della resistenza al socialismo. La storia - dice Haussmann - è "molto più complessa di come viene descritta in due pagine del libro di storia". "Se si mettono in fila i documenti della Stasi si arriva a 111 chilometri, il Muro di Berlino era lungo altrettanti chilometri, il che è interessante", spiega Haussmann. "Un così grande potenziale di gente che scrive, un popolo di scrittori e pensatori, e mi sono detto: ne esce sicuramente un film. Fanno lo stesso: osservano le persone e scrivono di questo, come avrebbe potuto essere usato diversamente questo potenziale? Che meravigliosa letteratura ne sarebbe nata? E l'altra cosa è: tutto ciò che è nei documenti è vero!".Il Festival del Cinema tedesco è organizzato da German Films in collaborazione con l'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania e il Goethe-Institut. Intervista di Stefania CuccatoMontaggio Alessandra FrancoCon immagini askanews.