Tiscali.it
SEGUICI

Zelensky al Festival di Sanremo, sono in tanti ad essere contrari: “Non siamo in un film. Ci sono morti e vittime reali”

Da Freccero a Di Battista, da Moni Ovadia a Franco Cardini, non capiscono perché il leader ucraino sia stato invitato al Festival della canzone italiana. Ecco alcuni che hanno firmato il documento di protesta

TiscaliNews   

L’argomento in effetti divide l’Italia. Sanremo città dei fiori e del festival che ha lanciato ''successi planetari che celebrano la vita, la felicità e l'amore'', ospita nella serata finale di sabato 11 febbraio l'intervento del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e si scatenano le polemiche.

Calenda è contrario 

Contrario al videomessaggio di Zelensky anche il leader di Azione Carlo Calenda. "Ci sono pochi dubbi sulla nostra linea di sostegno all'Ucraina. Ritengo tuttavia un errore combinare un evento musicale con il messaggio del Presidente di un paese in guerra", ha twittato Calenda.

La posizione di Nardella

Posizione diversa quella del sindaco di Firenze Dario Nardella: "Non credo che l'invito" di Zelensky a Sanremo "sia legato al fatto che Sanremo ora pare sostenere l'invio dei Leopard 2 dalla Germania, invece invitarlo è un gesto, almeno io lo leggo così, di attenzione e di solidarietà al popolo ucraino", ha detto l'esponente del Pd a "L'Aria che tira" su La7. Secondo Nardella "dire che Sanremo deve essere avulso, separato da quello che succede nel mondo e in Italia vuol dire non conoscere Sanremo: vi si è sempre parlato di questioni politiche, dalla mafia alla violenza sulle donne, alle morti bianche". Inoltre, ha aggiunto, "questo è il primo Sanremo che cade nel periodo della guerra in Ucraina, che è entrata nelle nostre case, se ne parla a tavola in famiglia, se ne parla con i colleghi di lavoro, è inevitabile che entri anche dentro Sanremo". In generale, ha concluso il sindaco, "la cosa su cui tutti noi dovremmo essere uniti è spingere su una iniziativa diplomatica vera, perché ormai tutti i negoziati di pace si sono drammaticamente arenati, questa è la cosa secondo me più preoccupante".

Salvini: "Speriamo che rimanga il festival della canzone"

"Speriamo che Sanremo rimanga il festival della canzone italiana e non altro", dice il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, che aggiunge: ''Avranno fatto le loro valutazioni, quello che spero è che la guerra finisca il prima possibile e che il palcoscenico della città dei fiori rimanga riservato alla musica".

Vespa: "Mi dispiace questo malanimo"

Si dice stupito Bruno Vespa. "Non capisco francamente tutto questo rumore per un breve intervento di Zelensky al Festival di Sanremo", ha detto, rispondendo a una domanda dell'ANSA. Il conduttore, dopo aver intervistato Zelensky, aveva dato a Domenica In l'annuncio della sua presenza in collegamento video. "Al Festival hanno partecipato alte personalità della politica internazionale e sono stati trattati tutti i temi sociali, anche scabrosi e controversi - ha sottolineato ancora - Zelensky è stato ospite ai festival di Cannes e Venezia, oltre che ai Golden Globes, e mi dispiace questo malanimo nei confronti di un uomo che si sta battendo con straordinario coraggio per salvare la libertà del proprio popolo da una pesantissima aggressione".

Il manifesto di protesta degli intellettuali 

Ieri un gruppo nutrito di intellettuali si è mobilitato e in attesa di scendere in piazza proprio a Sanremo sabato 11, ha firmato un manifesto di protesta. ''Abbiamo appreso con incredulità che interverrà Zelensky, capo di Stato di uno dei due paesi che oggi combattono la sanguinosa guerra del Donbass. Una guerra terribile'', scrivono nel documento firmato da Franco CardiniCarlo Freccero, da Joseph HaleviMoni Ovadia, da Paolo Cappellini ad Alessandro Di Battista. Una guerra, scrivono ancora ''fomentata da irresponsabili invii di armi e da interessi economici e geostrategici inconfessabili'', ''che ha ragioni complesse, tra cui il fatto che la Nato sia andata ad "abbaiare ai confini della Russia" (utilizzando le parole di Papa Francesco)'' e che a loro avviso ''come italiani abbiamo il dovere costituzionale di "ripudiare"''. E aggiungono : ''L'Italia non solo invia armi (ed aumenta il budget militare in una fase economica difficilissima per la maggioranza degli italiani), ma lascia che la NATO e gli Stati Uniti utilizzino a loro piacimento il suo territorio, in assenza di qualsiasi forma di controllo governativo, parlamentare e popolare. A causa di questa posizione acritica e supina, l'Italia ha rinunciato a svolgere l'importante ruolo di mediazione geopolitica che corrisponde alla sua vocazione storica, abdicando al contempo al proprio interesse nazionale e al proprio ruolo di fondatrice del processo di unificazione europea, come struttura per assicurare la pace fra le nazioni''.

"Il dovere di comprendere"

Come intellettuali, aggiungono ''abbiamo il dovere di comprendere ciò che avviene dietro le quinte, e ci mettiamo perciò a disposizione per parlare al popolo italiano, che a tal fine invitiamo alla mobilitazione sabato 11 febbraio a Sanremo, per partecipare ad una grande assemblea popolare di piazza. L'Italia deve uscire subito dalla guerra interrompendo ogni aiuto diretto o indiretto a una delle parti in conflitto. L' Italia non può rassegnarsi a restare un deposito di ordigni nucleari micidiali sotto controllo americano, né luogo di laboratori e centri di ricerca bellici. È necessario liberare il nostro territorio da questa presenza''. ''La mia generazione - spiega Carlo Freccero all'ANSA - è cresciuta col tabù del nucleare. Oggi Zelensky ci presenta la guerra con la leggerezza di un musical tra canzoni e siparietti di costume. Indipendentemente da come la pensiamo, bisogna riacquistare il senso della realtà e del pericolo.

"Non siamo in un film"

Non siamo in un film. Ci sono e ci saranno morti reali e vittime reali. La società dello spettacolo non era mai arrivata a tanto. Questo il motivo per cui ho firmato il documento'', conclude. Tra i firmatari anche l'opinionista ed ex 5 Stelle Alessandro Di Battista che giudica una "ridicola buffonata'' la partecipazione del presidente ucraino alla serata conclusiva del festival di Sanremo. Il reporter ha firmato la petizione condivisa da un gruppo di intellettuali in cui si critica la decisione di invitare Zelensky allo spettacolo canoro ma, conversando con l'ANSA, precisa di non essere intenzionato a partecipare alla protesta in piazza indetta proprio a Sanremo per l'11 febbraio: "Sostengo la petizione ma non parteciperò alla manifestazione". Piuttosto, dice, " se stabiliamo che si inizia a rendere una manifestazione canora un luogo di dibattito di questioni politiche, allora che si parli anche di quello che sta avvenendo in Palestina.

TiscaliNews   
Speciale Sanremo 2024
I più recenti
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Celine Dion riappare in pubblico: ovazione e lacrime sue e dei fans
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Antonello Venditti: Cosa accadde nella mia 'Notte prima degli esami'. Poi fa una sorpresa ai maturandi
Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...