Caparezza: "La canzone che ho scritto e in cui la gente ha ritrovato la paura della guerra nucleare"

Dal 25 giugno, a Treviso, parte il tour estivo del rapper dopo i concerti più volte rimandati a causa della pandemia. Il racconto di una gioiosa fatica

"Non pensavo che le persone facessero questo tipo di assonanza con quel che sta capitando. Io avevo scritto Come Pripyat per raccontare macerie interiori, l'avere attorno la sensazione di vuoto e di spaesamento". E invece l'ultimo singolo di Caparezza, che evoca quel che resta dentro la città fantasma più vicina a Chernobyl con i segni del suo disastro nucleare, è diventata una sorta di meditazione collettiva sulle paure che prima la pandemia e ora l'invasione dell'Ucraina hanno rimesso al centro delle nostre vite. Il rapper torna in tour e racconta la fatica e la dedizione di non deludere il pubblico, malgrado concerti annullati, difficoltà burocratiche, apri-e-chiudi da decreto pandemico. Niente è andato perso, i biglietti restano validi e si possono usare per i concerti estivi che ripartono il 25 giugno da Treviso. Nel sito ufficiale e sui social di Caparezza si trovano il calendario completo del tour e tutte le informazioni sull'uso dei biglietti già emessi. Tenere duro è un'impresa che mette insieme la gioia del fare con l'esasperazione del tempo strano in cui viviamo. La videointervista