Tiscali.it
SEGUICI

"Vengo in Sardegna, ci vediamo a Scampia o hai paura?". Gli insulti fra Salmo e Luché sono un tormentone

Maurizio Pisciottu e Luca Imprudente (questi i veri nomi) si stanno massacrando a parole da mesi. Il tutto in video, e lo scontro diventa una hit

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Salmo e Luche (foto dai loro social)
Salmo e Luche (foto dai loro social)

Dissing. E' uno dei fondamenti dell'hip hop e consiste nel demolire l'avversario a colpi di rime irriverenti, con ironia pesante e aperti insulti. A lui, alla famiglia, alla ragazza (il rap è ancora molto maschilista) e alle sue pose. Io rappo per distruggerti con le parole, vediamo se sei abile nel freestyle, l'improvvisazione su una base ritmica, e sai replicare in modo da chiudermi la bocca. Bene, se c'è un tormentone musicale estivo che sta impazzando grazie a video e social, questo è il dissing fra Salmo e Luché. Botta e risposta, l'eleganza non abita in questa casa, le pistolettate verbali sì.

Video

Come è cominciata la battaglia

Luché e Salmo (al secolo Maurizio Pisciottu) se le danno verbalmente da qualche anno. Ci sono fasi di tregua poi riparte la fiamma. Queste le bordate di Luché (vero nome Luca Imprudente): "Da Russell Crowe sei diventato Pio e Amedeo, che imbarazzo quel tuffo nella piscina di Sanremo. Sei l’italiano medio. Sei il maestro della mossa sbagliata. Decidi se vuoi continuare in studio oppure in strada". Per Luché che si atteggia a rapper hardcore e vero esponente della scena, Salmo è un bluff e se è riuscito a riempire San Siro è solo perché ha regalato "diecimila biglietti" al pubblico. Risponde a mitraglia Salmo: "Tu che batti me? Mai. Nei Co’Sang eri l’ombra di Anto, poi sei diventato fashion, Brigitte Bardot. Ora sembri un croissant, però quello vuoto. Amo la tua città anche se non ci vado più, l’unica cosa che fa schifo di Napoli sei tu".

Video

I titoli parlano chiaro

L'hip hop non è il posto dell'eleganza, e quindi i titoli dei dissing fra Luché e Salmo parlano chiaro: da Dove volano le papere a Estate Dimmerda 2. E giù botte a demolirsi a vicenda. Ancora Luché: "Il rapperino da tastiera di stronca la carriera. Potevo farlo quattro anni fa, ti ho dato una chance. Ho subìto l’hating dei fans, avevamo un patto che non hai rispettato. Ma tu sai bene cosa facciamo a un ratto. Sono inattaccabile, indomabile". Quindi l'affondo che torna alla guerra di campanile sempre viva in Italia: "Sabato suono in Sardegna, vuoi venire? Ci vediamo a Scampia o hai paura di uscire?". Non resta che attendere che Salmo raduni abbastanza insulti per replicare. Ne resterà uno solo. 

Video

Cristiano Sanna Martinidi Cristiano Sanna Martini   
Speciale Sanremo 2024

I più recenti

Paolo Fresu e la sua tromba in Berchidda Live
Paolo Fresu e la sua tromba in Berchidda Live
vasco
vasco
Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh
Gelo tra Riccardo Fogli e Roby Facchinetti: Patty Pravo e la verità sull'addio ai Pooh

Le Rubriche

Andrea Giordano

Docente universitario, dopo 8 anni allo Ied Como, oggi insegna Cinematografia...

Emanuele Bigi

È cresciuto con la passione per il cinema che non lo ha mai mollato. È autore...

Cinzia Marongiu

Direttrice responsabile di Milleunadonna e di Tiscali Spettacoli, Cultura...

Maria Elena Pistuddi

Nata a Roma nel 1970, si è laureata in Scienze Politiche nel 1994. Dopo...

Camilla Soru

Cagliaritana, studi classici, giornalista pubblicista, ha intrapreso la carriera...

Cristiano Sanna Martini

In passato ha scritto per L’Unione Sarda, Il Sole 24 Ore, Cineforum, Rockstar...